ULTIM'ORA - Stirpe risponde a Zamparini: "Nessuno infanghi il nostro percorso"

Share

Ora il Palermo farà ricorso, e Zamparini in una nota spiega perché: "Abbiamo incaricato i nostri legali di fare ricorso e di supportarlo con tutte le prove". Dopo aver letto le frasi del patron dei rosanero Maurizio Zamparini, il presidente del Frosinone Maurizio Stirpe ha deciso di dire la sua tramite comunicato, per replicare alle polemiche innescate per il finale della partita. Il presidente Stirpe sta facendo una grande cosa al calcio italiano, ha costruito uno stadio per questa gente.

Nell'occhio del ciclone l'arbitro La Penna, per un episodio controverso avvenuto al 60′: il palermitano Coronado cade vicino all'area, il direttore di gara assegna prima la punizione, poi cambia idea e concede il rigore, quindi torna sulle prime decisioni e fa battere un calcio di punizione dal limite. "Il gesto dei palloni mandati in campo secondo me è superfluo parlarne, contro il Foggia c'ha preso in giro tutta l'Italia per aver perso all'ultimo momento la Serie A". Faremo i passi necessari sperando d'avere giustizia.

Donna uccisa e inghiottita da un pitone gigante
I vicini hanno trovato il serpente a circa 30 metri dai sandali e dal machete della donna. Il suo corpo, infatti, è stato rinvenuto all'interno del rettile.

Maradona a Messi: "Nel '90 perdemmo all'esordio e arrivammo in finale"
Lui è un fenomeno se viene messo nelle giuste condizioni, come accade nel Barcellona , altrimenti anche lui fa fatica. Mi sento responsabile perché sono sicuro che, segnando, avremmo portato a casa il risultato.

Comunali, vola il centrodestra con la Lega che traina
In Sicilia, in città dove Il Movimento Cinque Stelle aveva dominato indisturbato, si porta avanti il centrodestra . A Siena Luigi De Mossi del centrodestra affronterà il 24 giugno il candidato del centrosinistra Bruno Valentini .

"I giocatori che buttavano in campo i palloni e l'invasione di campo dei tifosi finale?" I ciociari hanno battuto 2-0 nel ritorno della finale playoff di Serie B il Palermo di Stellone. Non rilevati, nè sanzionati, nè dagli arbitri, nè dal quarto uomo, nè dai guardalinee.

"Io ho sentito il nostro presidente Giammarva puntualizzare sul fatto ed è veramente avvilente vedere tre persone che dopo un comportamento squallido e antisportivo continuano a tirare fango". Il Tribunale di Palermo ha, invece, respinto nei mesi scorsi l'istanza di fallimento presentata dalla Procura. Spero che qualche ente competente, compreso il ministro dello sport di questo governo in cui credo moltissimo, possa prendere provvedimenti per aprire un'inchiesta. Non è più un calcio legale”.

Share