Spezia Parma, deferito il club ducale

Share

La Procura Federale ha, questa mattina, consegnato l'avviso di conclusione delle indagini ed entro dieci giorni, il club e i due calciatori andranno a processo. Il club emiliano (se l'accusa venisse confermata in base all'art.7 del codice di giustizia sportiva) rischia ora una penalizzazione da scontare nella stagione in corso che potrebbe mettere a rischio la promozione in A.

Nel secondo caso il Parma rischierebbe seriamente una sanzione che nel caso "verrà scontata nel campionato appena concluso".

La vicenda è stata resa nota nei giorni scorsi: Emanuele Calaiò e Fabio Ceravolo, giocatori ducali, scrivono a Filippo De Col e Alberto Masi, atleti della formazione ligure, che mostrano immediatamente il testo ai propri dirigenti.

Corona contro Don Mazzi. Il sacerdote: "Ha la capacità satanica…"
Vado a casa di mia madre per aspettare il ritorno da scuola di mio figlio Carlos Maria che all'epoca aveva 14 anni. Grazie Massimo.e scusa se non riesco a nn dire ciò che penso...ma sono e sarò sempre così ...

Contromossa Cina, da 6 luglio 50 mld dazi su beni USA
Le tariffe, che interessano più di 800 prodotti del valore di 34 miliardi di dollari su base annua, entreranno in vigore il 6 luglio .

MotoGP, Lorenzo: "Pole? Vincere è più importante" Dovi: "Jorge ci ha aiutato"
Dovizioso ha fatto un'ottima FP3 con gomme usate. " Sono contento ma la vittoria è più importante che la pole ". Le abbiamo provate ieri, ma alla fine abbiamo deciso di continuare senza.

La Procura ha comunicato agli indagati la presunta violazione dell'articolo 7 per tentato illecito sportivo. Anche perché la classifica dei padroni di casa era assolutamente tranquilla, mentre il Parma si giocava uno storico ritorno nella massima serie. Si va verso una lieve penalizzazione per il Parma quindi, ma nel prossimo campionato poiché per quanto riguarda la società - stando a quanto si legge - si tratta di responsabilità oggettiva e non diretta che invece comporterebbe la retrocessione. La società emiliana infatti è stata accusata dal procuratore della Figc Giuseppe Pecoraro di tentato illecito sportivo. La società, che ricordiamo non è mai nemmeno stata convocata o ascoltata, auspica che, come sono stati resi pubblici molti dettagli delle indagini, possano essere resi pubblici dalla giustizia sportiva, da subito o al termine del procedimento, anche i testi dei messaggi in questione, affinché tutti gli sportivi italiani possano avere contezza del tenore degli stessi.

"Già nel recente passato - aggiunge il comunicato - il Parma Calcio ha dovuto sopportare danni di immagine notevoli in ordine ad accuse infamanti rivelatesi infondate, senza ricevere alcuna tutela". Per primi vogliamo chiarezza, giustizia e rispetto delle norme.

Share