Morto Gonella: l’arbitro della finale mondiale del ’78

Share

L'Associazione Italiana Arbitri ha espresso il proprio cordoglio alla famiglia tramite il suo profilo twitter.

E' morto all'età di 85 anni Sergio Gonella, ex arbitro internazionale, presidente dell'Aia dal 1998 al 2000.

Lutto nel mondo del calcio e dell'arbitraggio italiano.

Funerale mortale: uomo schiacciato dalla bara della madre
Stava sostenendo la bara della mamma durante il funerale della donna, quando qualcosa è andato storto. Il corpo di Kondorura è stato sepolto accanto a quello di sua madre , Berta.

Perché gli Usa vogliono lasciare il Consiglio dei Diritti Umani Onu
Il presidente ha ribadito la linea dura, sostenendo che "gli Stati Uniti non diventeranno un campo di migranti". Questo è quanto ha dichiarato tramite la sua portavoce Stephanie Grisham alla Cnn .

Lieve scossa di terremoto registrata a sud di Latina
Terremoto: violentissima scossa superficiale avvertita nel mondo: paura in zona, la terra non sta smettendo di tremare . Il premier Shinzo Abe ha sottolineato che la priorità è ancora focalizzata sui soccorsi alle persone in difficoltà.

Con Sergio Gonella se ne va un pezzo di storia del calcio italiano e mondiale. La sua partita più famosa è Argentina-Olanda, la finale del Mondiale del 1978 disputatasi proprio in Argentina.

Nella carriera di Sergio Gonella ci furono anche un altro paio di momenti molto importanti a livello internazionale: fu lui a fischiare nella finalissima del campionato europeo del 1976 che vide di fronte l'allora Germania Ovest e la Cecoslovacchia (prevalsero i tedeschi solo ai calci di rigore); nell'edizione 1975/1976 della Supercoppa Uefa diresse il match che portò alla conquista del trofeo la Dinamo Kiev nella sfida contro il Bayern Monaco.

Tutta la partita, però, finì sotto accusa dopo le decisioni arbitrali: per tutte la gomitata di Passarella a Neeskens, che costò al centrocampista due denti. In quel caso assegnò un rigore agli emiliani per un fallo veniale di Arcoleo su Bulgarelli, ben oltre il 91' (in tempi in cui il recupero era quasi inesistente); sull'episodio lo stesso capitano bolognese ammise di aver provato "una furbata". Fu Presidente dell'AIA dal 1998 al 2000. Dopo i mondiali di calcio del 1978, decise di smettere di arbitrare, con il bilancio di 175 presenze in serie A. Nel 2013 viene inserito, ex aequo con il collega Cesare Gussoni, nella Hall of Fame del calcio italiano nella categoria Arbitro italiano. Piemontese, astigiano di nascita anche arbitrale, Sergio Gonella era uno dei padri nobili della tradizione associativa, venerato da molte generazioni di ufficiali di gara.

Share