Terminata l’udienza davanti la camera giudicante: entro il weekend la sentenza

Share

C'è grande attesa per il destino del Milan. Di sicuro c'è che anche se, per pura ipotesi, Mr. Li definisse l'affare con Commisso lungo la giornata di oggi, il passo avanti non influirebbe in alcun modo sul verdetto della Camera giudicante.

C'è poi il problema del mercato. Qualora dovessero essere realmente questi i termini della sanzione dell'Uefa, sarebbe sicuramente un duro colpo per il Milan, sia per quanto riguarda l'aspetto 'pratico' del campo che l'aspetto finanziario e d'immagine del club. Non resta che aspettare e prepararsi a qualsiasi evenienza. Se il proprietario cinese non completerà l'aumento di capitale, interverrà in surroga Elliott, versando i 32 milioni di euro residui, che Li dovrebbe rimborsare a stretto giro, altrimenti scatterebbe da parte del fondo l'escussione delle garanzie. Mirabelli sta lavorando dietro le quinte, non è andato al mare a prendere il sole in attesa delle sentenze - ha spiegato Fassone -. "Essa può solo modificare il budget da spendere, abbiamo due piani quello A e quello B, ma non stiamo con le mani in mano". Ma eventualmente la società rossonera potrebbe decidere di fare ricorso al Tas. In caso di esclusione dall'Europa League, oltre che la strategia, i rossoneri rischiano però di dover cambiare anche la rosa. "E speriamo che vengano valutati fatti certi e non congetture", ha chiarito Fassone. Abbiamo scelto di andare per fatti certi, non per supposizioni e congetture. In caso di giudizio negativo il Milan è pronto a ricorrere al Tas di Losanna. La trattativa tra Yonghong Li e il nuovo partner prosegue e, secondo il Corriere della Sera, è confermato il suo ingresso entro fine mese.

Читайте также: Maturità 2018, domani la prima prova di italiano

Saranno 48 ore d'ansia quelle che vivranno i tifosi rossoneri questo weekend. Dinanzi alla Camera Giudicante della UEFA si sono presentati, alle ore 9, l'amministratore delegato Marco Fassone, la Cfo Valentina Montanari, l'avvocato Roberto Cappelli, il responsabile della comunicazione Fabio Guadagnini e altri due legali. Se, infatti, il club rossonero è assolutamente consapevole che la Uefa sia orientata verso l'estromissione di un anno dalle competizioni europee, riterrebbe evidentemente molto sorprendente - diciamo così - una pena ancora più severa.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2019 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Share