Vertice Ue, Conte blocca approvazione parziale conclusioni

Share

"Dobbiamo disegnare l'Europa che vogliamo".

Alla fine del pomeriggio, quando il confronto sulla migrazione non è ancora ufficialmente iniziato, ma già Giuseppe Conte ha incontrato per un faccia a faccia di 30 minuti Angela Merkel ed è anche riuscito, tra una discussione sul commercio e una sulla difesa, a parlare vis-à-vis con Emmanuel Macron, fonti di Palazzo Chigi snocciolano di nuovo i principi che vogliono vedere nero su bianco nelle conclusioni del vertice.

"Il regolamento di Dublino va superato perché non ci sono più dubbi che sia inadeguato a gestire flussi migratori" ha aggiunto Conte illustrando davanti alla Camera al completo la proposta dell'Italia presentata domenica e sottolineando che solo il "7%" dei migranti in arrivo sono rifugiati.

Il ritiro della bozza un riconoscimento per l'Italia "La bozza di proposta" preparata per il vertice di domenica scorsa "risultava inadeguata, era una bozza che andava contro l'interesse dell'Italia, e ottenendo il ritiro di questo testo l'Italia ha avuto un primo riconoscimento significativo".

Nadia Toffa torna su Instagram col sorriso: ecco cos’ha scritto
L'inviata e conduttrice di Le Iene ha trascorso una serata tra amici e ne è stata felicissima. Nadia Toffa si manifesta di nuovo su Instagram con una foto nella quale appare sorridente .

Salvini: "Nave Ong non toccherà suolo italiano". Toninelli: "Sequestreremo la Lifeline"
Così il ministro dell'Interno italiano Matteo Salvini su Fb. Lifeline soccorre 400 naufraghi al largo della Libia . Dice di battere bandiera olandese .

Allerta per temporali, grandine e mare molto mosso
Difficilmente, invece, riusciranno ad espandersi lungo le coste benché localmente non mancherà qualche annuvolamento qua e là. Da giorni si ripetono nelle regioni meridionali forti temporali con accumuli pluviometrici molto importanti.

Secondo il presidente del Consiglio, "l'Italia da anni salva l'onore dell'Europa nel Mediterraneo", ma "l'obbligo di salvataggio che risponde alla legge del mare e del diritto internazionale non può diventare obbligo di processare le domande di asilo per conto di tutti".

Conte non si è soffermato soltanto sulla questione immigrazione, ma è anche ritornato su temi economici. Perché la Brexit non fa certo invidia, perché troppi stati beneficiano della solidarietà europea per pensare di perderla, perché nessun sondaggio lascia intendere la possibilità che in un paese si affermi una maggioranza favorevole all'uscita dall'euro o dall'Unione e perché gli europei, governanti e cittadini, non sono così ciechi da non vedere che nel contesto segnato dal caos in Medio Oriente, da Trump e da Putin, l'Unione si suiciderebbe se voltasse le spalle all'unità. "Non ci dovrà essere nulla di automatico nel rinnovo delle sanzioni" dell'Unione europea alla Russia. "Oltre 5 milioni di persone vivono sotto la soglia della povertà assoluta".

"L'Italia è un contributore netto del bilancio Ue pensiamo di meritare maggiore attenzione", ha detto il premier riferendo e citando i dati Istat sulla povertà in Italia. Nel dibattito sul prossimo bilancio europeo, annuncia Conte, "proporrò che il negoziato riservi un'attenzione finanziaria più sostanziale dei fondi europei destinati all'inclusione sociale e il fondo sociale europeo che potrebbe finanziare la riforma sull'impiego, il bilancio 2021-2027 è uno strumento chiave per raggiungere questo traguardo".

Share