Bekaert, primo faccia a faccia tra l'azienda e le rappresentanze sindacali

Share

I rappresentanti della multinazionale, hanno detto, si sono dichiarati disponibili ad allungare i tempi della dismissione del sito per poter sondare nuovi scenari per il futuro della Bekaert e per poter attivare gli ammortizzatori sociali per i 318 operai.

I responsabili di Bekaert, durante l'incontro, hanno spiegato "i motivi che hanno portato alla decisione di chiudere il sito di Figline e Incisa Valdarno, dedicato alla produzione di rinforzi in acciaio per pneumatici". "Il tempo è strategico - sostiene Daniele Calosi (Fiom-Cgil) - ed è necessaria una trattativa senza pistola alla testa. La chiarezza e la lucidità di azione sono fondamentali, permettono di trovare le soluzioni migliori, le risposte che cerchiamo, a limitare le delusioni e ci permettono coerenza tra azioni ed emozioni". Oggi abbiamo vinto una piccola vittoria, ma la battaglia è ancora lunga e non smetteremo di combattere.

Juve punta forte Ronaldo, ma chiave è a Madrid
Dai tifosi e dal club viene la richiesta di trovare prima un sostituto di Cr7 e poi di procedere alla vendita. Questo pomeriggio è arrivato all'aeroporto di Caselle Jorge Mendes , il procuratore di Ronaldo .

Ragazzi nella grotta in Thailandia: muore un soccorritore
Non è ancora chiaro se la morte sia dovuta a carenza di ossigeno durante l'immersione o malfunzionamento della bombola. Nella speranza di individuare un'entrata alternativa , i soccorritori stanno esplorando il territorio circostante.

Buffon, visite mediche con il Psg: ora la firma
Un sentimento condiviso da Buffon , che parla di "un grande sentimento di felicità" per aver firmato con il PSG . Queste le parole dell'ex Juve al sito ufficiale del club francese.

Dalle 14.30 del pomeriggio e per tutto il tempo dell'incontro, fuori dalla sede di Confindustria, in piazza della Repubblica a Firenze, a dare forza e sostegno c'erano centinaia di metalmeccanici di tutta la provincia fiorentina, che oggi hanno scioperato quattro ore alla fine di ogni turno. C'è bisogno di tutti per dare un destino diverso allo stabilimento di Figline. Nel frattempo, istituzioni e sindacati hanno deciso di rivolgersi direttamente a Pirelli, chiedendole di acquistare la cordicella metallica da Bekaert solo se continuerà ad essere prodotta a Figline. "In molti casi si tratta di aziende che prendono valanghe di soldi pubblici e poco dopo delocalizzano". "Il governo e la Regione devono impegnarsi in questa direzione, mentre ho l'impressione che la Bekaert abbia intenzione di fare un deserto e impedire ai concorrenti, per esempio agli asiatici, di entrare in Europa, acquisendo lo stabilimento valdarnese".

Il ministro Di Maio "ha assicurato il suo massimo impegno al fianco dei lavoratori richiedendo accanto al sindacato di sospendere la procedura di licenziamento che tra 61 giorni sarà operativa, lasciando a casa i lavoratori".

Share