Ilva, Di Maio: da parere Avvocatura forti criticità

Share

Lo scorso 8 Agosto, Luigi Di Maio, in qualità di ministro dello Sviluppo, faceva sapere ai media di essersi rivolto all'Avvocatura dello Stato con la richiesta di esprimere il proprio parere in merito a "possibili anomalie relative alla procedura di gara per il trasferimento a terzi dei complessi industriali facenti capo alle società del gruppo ILVA in amministrazione straordinaria". "Il profilo più rilevante è legato a 'eccesso di potere' e cioè al cattivo esercizio dello stesso, non essendo stato tutelato il bene comune e il pubblico interesse a causa della negata possibilità di effettuare rilanci per migliorare l'offerta".

Dalle fonti del colosso francoindiano viene rammentato che l'Avvocatura darà al ministro l'esito del parere e la comunicazione all'azienda giungerà, appunto, da Di Maio.

DAZN a rilento, la piattaforma streaming: "Risolti velocemente problemi"
In migliaia hanno preso d'assalto le pagine social di DAZN con parole grosse nei confronti della piattaforma. Indipendentemente dalla qualità della rete, c'è chi ha avuto non poche difficoltà ad assistere all'incontro.

Genova, crollo Morandi, ad di Autostrade: 'Nuovo ponte d'acciaio in 8 mesi'
L'Ad Castellucci ha precisato che la conferenza di oggi "non ha questo obiettivo, non parliamo di responsabilità". Molti noti professori hanno parlato di effetti particolari di pioggia e vento intensi.

Ponte Morandi, Benetton (Autostrade) e Oliviero Toscani travolti dalle critiche sui social
Molto condiviso anche un fotomontaggio dove si vede il ponte crollato con la scritta "United Colors of Benetton ". Autostrade è stata coperta da governi precedenti".

L'Avvocatura ha rilevato nella procedura di vendita qualche imperfezione, ma niente di così grave o importante da pregiudicarne la validità. Finora dal Mise non è arrivata nessuna ufficializzazione del parere, molti conoscendo la linea di trasparenza del ministro, si attendono che questo sia pubblicato sul sito del ministero come già accaduto con la lettera-parere dell'Anac. L'Ilva è stata infatti il primo caso eclatante in Italia di una privatizzazione andata male. "E in relazione alle tutele ambientali l'estrema importanza di ambiente e salute richiede altri necessari approfondimenti in materia". "Quella ipotesi di accordo - ricorda Bellanova - prevedeva da subito 10mila lavoratori assunti da Arcelor Mittal, cui venivano garantiti i diritti economici e normativi acquisiti inclusa l'anzianità di servizio e l'articolo 18".

Share