Bambino non vaccinato ammesso a scuola ma non in classe

Condividere

Un bimbo di 8 anni di una cittadina veneta, recentemente sottoposto a trapianto di midollo per curare una forma di leucemia mieloide acuta, rischia di non poter andare a scuola perché nella sua classe ci sono no vax, 5 bambini non vaccinati. L'Usl dispone dell' "anagrafe dei bambini vaccinati" e potrebbe inserire il bambino in una classe di soli vaccinati. La vicenda è stata riferita da Oriana Maschio, un medico di Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, con un post su Facebook condiviso in rete da decine di utenti.

Per Fenati sono due gare fuori
Inoltre, nella curva dopo sono caduto, Romano ha rallentato ed ha esultato, non so per quale motivo lo abbia fatto. Non ho incontrato Fenati per un chiarimento, ma non c'è problema: "anche se non lo incontro va bene lo stesso".

Vuelta: Viviana vince la 10/a tappa
La 12^ tappa della Vuelta 2018 , con partenza da Mondoñedo e arrivo a Faro de Estaca de Bares, è stata vinta da Alexandre Geniez . Fino ai -20 km la strada si presenta ancora leggermente in salita, mentre il tratto finale risulta pianeggiante.

Narcos, scoperta fossa comune
Il procuratore di Stato Jorge Winckler ha detto che i teschi e altri resti umani si trovavano nella fossa da almeno due anni. Un testimone ha parlato di centinaia di persone sepolte clandestinamente in quel luogo.

"La storia è vera - ha poi confermato Maschio all'Ansa - l'ho saputa da una mia collega. Lei iniziò a piangere: chissà se ce l'avrebbe fatta". Il bimbo, accompagnato dai genitori, è stato tenuto lontano dagli altri bambini vaccinati e ha seguito l'attività scolastica nell'aula preparata ad hoc per lui. Ma spunta il problema della scuola e dei compagni non vaccinati: "Non possiamo mandarlo a scuola, ci sono cinque bambini non vaccinati nella sua classe e, vivendo in un paese non c'è alternativa, nell'altra classe ce ne sono altri tre". "Siamo in un paese civile? - si chiede la dottoressa Maschio su Facebook - Siamo nel 2018 ed esiste ancora gente stupida che trova in politici imbecillì una voce". E non si sa fino a quando, perché nella sua classe effettivamente i bambini non sono tutti vaccinati. "Le vaccinazioni sono fondamentali". "Ma abbiamo la possibilità di garantire l'immunità al bambino". Solo il futuro chiarirà come potrà definirsi e risolversi questa situazione: sperando che ad avere la meglio siano il bene e la salute di questo bambino di 8 anni, capace di sconfiggere un brutto male ma che ora deve vedersela con un problema completamente diverso.

Condividere