In Russia quasi 300 arresti per le proteste contro l'età pensionabile

Condividere

Nelle ultime settimane la Russia è in fermento per via delle manifestazioni scoppiate a causa della recente riforma delle pensioni voluta dal presidente Vladimir Putin.

Nel frattempo, mentre le urne erano aperte, migliaia di persone sono scese in piazza e nelle strade di diverse città della Russia per protestare contro il disegno di legge che riforma le pensioni: da 60 a 65 anni per gli uomini entro il 2028; da 55 a 60 anni per le donne entro il 2034. Secondo l'organizzazione OVD-Info, i fermi sono avvenuti soprattutto a Ekaterinburg negli Urali e Omsk in Siberia. A San Pietroburgo hanno fatto uguale oltre mille persone.

Promotore delle proteste è stato l'oppositore politico Aleksei Navalny, che però non ha potuto partecipare ai cortei perché sta scontando una condanna a 30 giorni di carcere per un fermo amministrativo.

CALCIO DI SICILIA: Siracusa, Team Manager morto in incidente stradale. Ferito Gomis
Ferite al collo e lieve trauma cranico per il calciatore, niente da fare invece per Artale . Sulle cause dell'incidente stradale, la procura di Siracusa ha aperto una inchiesta.

MANCINI, Giovani in difficoltà se non giocano al top
Che noi dobbiamo cercare di essere più propositivi è anche possibile, ma stiamo cercando di farlo. Può tornare ad essere quello di Bergamo e di inizio avventura all'Inter.

Stop alle aperture la domenica, Di Maio accelera
Se entrerà in vigore, abrogherà l'articolo 31 del cosiddetto " Salva Italia ", norma introdotta dal governo Monti che aveva liberalizzato l'apertura dei negozi, lasciando agli esercenti totale autonomia .

Ma Navalny, nonostante la detenzione, arringa la folla attraverso il suo staff sui social: "Per 18 anni Putin e il suo governo si sono serviti del budget, dilapidandolo per progetti senza senso". Sono stati 839 gli arrestati.

291, finora, le persone fermate dalla polizia a Mosca per aver partecipato alle manifestazioni. Il voto per eleggere il Sindaco della capitale russa non dovrebbe comunque presentare sorprese, con la rielezione dell'attuale primo cittadino e uomo del Cremlino, Serjey Sobyanin, anche per la mancanza di un vero leader forte dell'opposizione. Alle 12 di oggi, a Mosca aveva votato l'8,17% degli aventi diritto. Il 9 settembre a Mosca si vota per eleggere il sindaco. Il presidente, Vladimir Putin, ha attenuato la misura, ma il provvedimento di alleggerimento non è stato sufficiente a placare il malcontento popolare. A molti oppositori era stata negata la candidatura.

Condividere