Bimbo non vaccinato in quarantena in un asilo di Settimo Torinese

Share

Quanto sta accadendo a Treviso era già stato ampiamente anticipato dalla preoccupazione delle mamme con figli in condizioni di rischio.

Come riportato da "La Tribuna di Treviso" infatti, nei prossimi giorni il piccolo potrebbe rischiare di non tornare a scuola perché nella sua classe ci sono ben cinque alunni non vaccinati che rischierebbero di compromettere il suo stato di salute ancora molto debole. Una situazione difficile da accettare e che dovrà far muovere le istituzioni, per garantire il diritto allo studio a quel bimbo che non può e non deve essere messo in un angolo a studiare da solo. Vivendo in un piccolo paese della campagna veneta, i genitori del piccolo non possono nemmeno cambiarlo di classe visto che nell'unica altra sezione della scuola i bambini non vaccinati sono 3.

La mappa dei non vaccinati copre gran parte del territorio, interessa sia maschi sia femmine e interessa soprattutto le famiglie italiane, più propense a scegliere di non vaccinare i figli rispetto a quelle straniere che, soprattutto se provenienti da Paesi in via di sviluppo, vedono nel vaccino uno strumento salvavita. C'è il sospetto che nessun medico abbia prescritto i test richiesti perché molto costosi.

Bucci: demolizione Morandi da fine mese
E questo rientra anche nel percorso delle richiesta di più autonomia. "Come Toninelli o Toti? ". Ma Toninelli non arretra di un millimitro.

'L'ho danneggiata', la confessione di Matteo Salvini su Isoardi: cosa ha svelato
Confesso che se ho tre minuti la guardo in Tv, anche se in cucina sono un disastro. La conduttrice è tornata al timone della trasmissione.

Apple: in arrivo l'iPhone Xs, dual sim e in due versioni
A beneficiare di più delle nuove possibilità di elaborazione saranno soprattutto i giochi, o le applicazioni in realtà aumentata . Riprende il discorso della generazione intermedia con la lettera "S" che sta a metà tra due salti generazionali importanti.

Ammesso a scuola, ma non in classe con gli altri bambini.

La dottoressa Oriana Maschio ha voluto commentare la vicenda raccontata da una collega. "Il bambino esiste, va in giro con la mascherina, e il problema si pone quando rientrerà in classe e verrà affrontato, credo, con tutta la chiarezza possibile dai suoi genitori". Ovviamente, per guarire completamente, il piccolo è stato sottoposto anche ad una serie di trattamenti chemioterapici che, per fortuna, hanno portato i frutti sperati.

"Sono indignata - dice - per queste opinioni che circolano, sproloqui non basati sull'evidenza scientifica e sfruttati da certi politici".

Share