#BariNonSiLega, al Redentore presidio "contro" la visita di Salvini

Condividere

Saremmo anche più contenti se il Governo restituisse alle città della Puglia, Taranto, Foggia e Brindisi, i finanziamenti delle periferie che sono stati eliminati: parliamo di oltre 17 milioni di euro per Taranto e Brindisi e oltre 28 milioni di euro per Foggia (fonte Anci, ndr.). "Sono qui - ha detto - per combattere l'illegalità di qualunque colore e qualunque nascita". "Ho compreso, dal gesto di chiedermi un breve colloquio privato, - ha detto Emiliano - che il ministro Salvini sa perfettamente quanto e come ci siamo battuti per le periferie pugliesi". "Non basta la polizia, che pure è essenziale, per migliorare la qualità della vita in un quartiere, servono anche le risorse". Non è nient'altro che il suo dovere.

Perché si rischia di dare l'impressione che il ministro dell'Interno - e non è certamente così - sia dell'opinione che si possano raccogliere le firme in un quartiere qualunque d'Italia per cacciare via la gente che legittimamente vive lì da anni solo perché la sua origine non è italiana.

Bimbo non vaccinato in quarantena in un asilo di Settimo Torinese
C'è il sospetto che nessun medico abbia prescritto i test richiesti perché molto costosi. Ammesso a scuola, ma non in classe con gli altri bambini .

Bambino non vaccinato ammesso a scuola ma non in classe
L'Usl dispone dell' "anagrafe dei bambini vaccinati" e potrebbe inserire il bambino in una classe di soli vaccinati . Lei iniziò a piangere: chissà se ce l'avrebbe fatta".

Spray peperoncino su spettatori concerto
Al concerto del trapper Sfera Ebbasta a a Mondovì (Cuneo) è tornata la pericolosa usanza di spruzzare spray al peperoncino .

Uno striscione ritenuto offensivo con la scritta "Salvini bimbo minkia" è stato esposto la mattina del 13 settembre - e subito rimosso dalla Digos - su un balcone di un appartamento posizionato nella zona rossa, in via Trevisani, una delle strade del quartiere Libertà di Bari blindate per l'arrivo del ministro degli Interni, Matteo Salvini. Non sono mancati i momenti di tensione con uno striscione con frasi ingiuriose rivolto a Salvini e gli organizzatori della protesta che hanno evidenziato: "Salvini passa il suo tempo a dire che la colpa dei mali dell'Italia è degli stranieri". Prima il comizio al quartiere Libertà per un appuntamento politico insieme con i rappresentanti locali del Carroccio; poi la visita istituzionale tra i padiglioni della Fiera del Levante.

Condividere