Raikkonen: "L'addio alla Ferrari? Non è stata una mia decisione"

Condividere

Dunque, Kimi non si smentisce, è sempre unico nelle sue dichiarazioni, e non teme il giudizio di nessuno, piuttosto gli è indifferente, ma è chiaro che la situazione nel box Ferrari adesso non è tra le più semplici da gestire. Ma la Ferrari lo aveva già adocchiato da un po', e infatti dal 2016 lo ha inserito nel Ferrari Driver Academy rendendolo collaudatore della monoposto Haas e della stessa Ferrari. Ero ovviamente il ragazzo più contento del mondo.

"Per me è un amico, con lui non ci sono mai state incomprensioni e il rispetto è reciproco". Resta un 2018 da concludere con Sauber prima di immergersi appieno nei nuovi panni, una tuta pesantissima da portare: "Meglio pensare al prossimo anno quando sarà finito questo. Ho già un'idea su come iniziare la stagione, come tutte quelle fatte finora, l'approccio non cambia: è di fare il meglio possibile con la macchina che avrò, avrò una macchina per lottare davanti e spingerò al massimo per portarla lì".

"Penso di aver fatto una stagione molto buona quest'anno, nella quale ho potuto imparare molto e il prossimo anno devo dimostrarlo, come dovrebbe essere quando si va in una grande squadra". Si può ipotizzare ma si vedrà.

E' stato cacciato dalla rossa o se n'è andato lui secondo lei?

Highlights Italia-Belgio 3-0, Mondiali volley maschile 2018
Un match molto importante per testare la condizione e cercare di chiudere i giochi per il primo posto nel girone. Il match si disputerà al Mandela Forum di Firenze domenica 16 settembre alle ore 21:15.

Bucci: demolizione Morandi da fine mese
E questo rientra anche nel percorso delle richiesta di più autonomia. "Come Toninelli o Toti? ". Ma Toninelli non arretra di un millimitro.

Moscovici: "All'interno della zona Euro c'è un problema: l'Italia"
Perché le forze populiste " sono democratiche quando vincono le elezioni, ma poi erodono progressivamente le libertà ". Questi eurocrati, ha aggiunto Di Maio: "si scontreranno con la realtà nelle prossime elezioni europee ".

Tanto interrogarsi sulla giovane età, la poca esperienza in Formula 1, la capacità di confrontarsi con le responsabilità e il peso che correre per la Ferrari comportano.

"Iceman" non è rimasto a guardare, firmando un contratto biennale con l'Alfa Romeo Sauber. Sono tornatop lì perché ho voluto io? "Questa sarà la gara più difficile dell'anno, mentalmente e fisicamente, e non vedo l'ora di correrla".

Attraverso questo comunicato la Ferrari annuncia l'arrivo per la prossima stagione del giovane pilota francese Charles Leclerc, che prenderà il posto di Kimi Raikkonen. "Pressione? Credo di avere una mentalità che mi toglie tutta la pressione, sono concentrato sempre e solo su di me, non penso a cosa le persone si aspettano da me, se lavoro nel modo giusto i risultati arriveranno".

Condividere