Il cordoglio del Perugia per la scomparsa di Luigi Agnolin

Share

Si è spento oggi a Bassano, all'età di 75 anni, l'ex arbitro Luigi Agnolin, uno dei fischietti più famosi in Italia negli Anni 70 e 80.

Figlio d'arte; infatti, il padre Guido può contare 155 presenze in Serie A. Ha guidato 266 partite nella nostra massima serie, esordio nel 1973. Di lui si ricorda anche il famoso battibecco con Bettega durante un derby di Torino nel quale si rivolse all'allora attaccante della Juventus con la frase "vi faccio un culo così". Nel suo curriculum ci sono ancora due appuntamenti di rilievo: nel 1987 fu Agnolin l'arbitro designato per la finale di Coppa delle Coppe (Ajax-Lokomotiv Lipsia 1-0) e nel 1988 per quella di Coppa dei Campioni (Psv Eindoven-Benfica 6-5 ai calci di rigore). Rappresentò l'Italia ai Mondiali del 1986 e in quelli in casa del 1990. Nel 1980 era stato insignito del prestigioso Premio Nazionale "Giovanni Mauro".

Totti su Baldini e Spalletti: "Siano contenti che ho parlato di loro"
Un libro destinato a un pubblico molto vasto: "Spero che questo libro possa affascinare tutti, dai più piccoli ai più grandi. Molti filosofi metropolitani si interrogano sulla eventuale presenza di un simile libretto inscritto nella testa di Totti .

Facebook, hackerati 50 milioni di account
Da quando Facebook è passato a HTTPS, i token non sono più acquisibili sferrando attacchi di tipo MITM ( man-in-the-middle ). Insomma, anche questi numeri di telefono sarebbero utilizzati per indirizzare in maniera chirurgica contenuti pubblicitari.

Ufficiale, Var in Champions League dalla stagione 2019/20
Il VAR , inoltre, sarà utilizzato negli Europei del 2020 e a partire dall'edizione 2020/2021 dell'Europa League . La Var ( video assistant referee ) arriva in Champions League .

Dopo il campo, è stato designatore in Serie C prima di passare alla carriera da dirigente: nel 1994 è stato direttore generale della Roma, nel 1999-2000 amministratore delegato del Venezia e dal 2000 al 2001 del Verona. Guidò l'Aia, l'associazione italiana arbitri, nei turbolenti mesi post Calciopoli; in seguito passo alla direzione del settore giovanile della Figc. A darne notizia l'Aia, l'Associazione italiana arbitri. Dal 2011 al giugno 2013 ricoprì la carica di direttore generale del Perugia ma anche di dirigente di altre piccole realtà calcistiche nazionali ed internazionali per poi ritirarsi a vita privata. "Si uniscono il segretario ed il vice segretario dell'AIA, il direttore Responsabile della Rivista "l'Arbitro" e i coordinatori della redazione".

Share