Uragano nel Mediterraneo confermato. Il Medicane si chiamera' Zorbas - obiettivo Grecia

Share

Il punto é: Zorbas evolverà in Medicane (MEDiterranean hurriCANE, uragano mediterraneo) o TLC (Tropical Like Cyclone, ciclone di tipo tropicale) o rimarrà una comune circolazione ciclonica?

Manovra, monito di Mattarella: "La Costituzione chiede equilibrio di bilancio"
Chiaro quindi il riferimento del presidente al rapporto fra il deficit e il prodotto interno lordo, che toccherà quota 2.4%. Intanto bisogna registrare un ulteriore affondo da parte di Salvini all'indirizzo del capo dello Stato.

Totti su Baldini e Spalletti: "Siano contenti che ho parlato di loro"
Un libro destinato a un pubblico molto vasto: "Spero che questo libro possa affascinare tutti, dai più piccoli ai più grandi. Molti filosofi metropolitani si interrogano sulla eventuale presenza di un simile libretto inscritto nella testa di Totti .

Nadia Toffa risponde alle critiche: "Sono pazza secondo voi?"
Nadia Toffa , dopo le ultime accuse ricevute dal web, si è sfogata sui social , attirandosi ancora una volta commenti negativi. Per questo era intervenuta in sua difesa Alessandra Amoroso: "Portare un sorriso non ha mai fatto male a nessuno".

Gli effetti (pochi) sull'ItaliaSecondo le previsioni, sull'Italia gli effetti di questa intensa perturbazione saranno invece "molto marginali": il centro depressionario si limiterà ad alimentare un rinforzo dei venti al Centro-Sud e a spingere un po' di nubi e qualche acquazzone sulle estreme regioni meridionali; per il resto, secondo i meteorologi del meteo.it, il fine settimana si presenterà in prevalenza soleggiato, benché caratterizzato da un nuovo, moderato calo delle temperature, che entro domenica torneranno quasi ovunque nella norma o leggermente al di sotto. Gli uragani nascono come cicloni tropicali, i quali prendono forma su un oceano caldo con una temperatura superiore a 26-27°C fino ad una profondità di almeno 50 metri per garantire un apporto sufficiente e duraturo di energia. Quindi i venti di Bora che hanno raffreddato l'aria e abbassato le temperature da inizio settimana si placheranno. Ma questo non basta, perché il Mare Nostrum non è sufficientemente ampio e lo spessore dello strato delle acque calde rimane ancora troppo piccolo. Ma è e resterà un ciclone ibrido, a metà strada tra un ciclone extra-tropicale e un vero uragano. Non si tratta di un evento unico ed eccezionale, ma comunque piuttosto raro (già in passato si sono verificati Medicane nei nostri mari). Nelle immagini satellitari già si può vedere la formazione di un piccolo "vortice". Al Sud il tempo risulta più instabile sul settore ionico con rovesci sparsi su Calabria e Sicilia orientale. Vengono riportati, infatti, un medicane nel gennaio 1995 nello Ionio, chiamato Celeno (dal nome di una delle tre Arpie, nella mitologia greca), un altro nell'ottobre del 1996 nel Tirreno centrale, chiamato Cornelia (matrona romana del 2° secolo a.C., madre dei Gracchi) e un altro ancora nel 2005, a sud della Sicilia, chiamato Zeo (da Zeus?).

Share