Cristiano Ronaldo avrebbe ammesso in privato lo stupro

Share

Si complicano le cose per Cristiano Ronaldo, le accuse di stupro di Kathryn Mayorga sono ormai note.

Ronaldo è in una discoteca insieme a una giovane ragazza, Kathryn Mayorga. La donna sostiene che il calciatore portoghese l'abbia violentata in un albergo nel 2009 a Las Vegas, dove il fuoriclasse era in vacanza con il cugino e il cognato.

Mayorga, all'epoca dei presunti fatti aveva 25 anni.

Mara Venier si confessa: "Terrorizzata da mio marito" - Gossip
Troppo giovani, però, per restare insieme per sempre. "Poi è arrivato Pier Capponi e il secondo matrimonio con Jerry Calà ". Pochissimi mesi dopo la conduttrice si sposa e si trasferisce definitivamente a Roma .

Manovra, Conte: "Particolarmente orgoglioso del reddito di cittadinanza"
A Palazzo Chigi e Via XX Settembre è tutto un rincorrersi di voci e tentativi di trovare una quadra difficile, se non impossibile. Ma le opposizioni sono già sul piede di guerra. "Vedremo, siamo pronti allo scontro.".

Napoli, madre e figlio ricoverati per colera
Il colera è una malattia infettiva acuta causata da batteri della specie Vibrio Cholerae che attacca l'intestino. La trasmissione avviene per contatto orale, diretto o indiretto, con feci o alimenti contaminati.

Cristiano Ronaldo non ci sta e respinge le accuse di stupro a suo carico.

Come riportato dal Guardian, il nuovo legale della donna starebbe cercando di annullare l'accordo stipulato privatamente tra le due parti, asserendo come la sua cliente non fosse nelle condizioni psicologiche adatte per comprendere quanto stava accadendo.

Tutto ciò ha chiaramente, come già sottolineato nell'apertura dell'articolo, aperto il vaso dell'opinione pubblica mondiale. Cr7 ha sempre pubblicamente sostenuto che il rapporto fosse stato consensuale. L'attaccante della Juventus ha immediatamente negato le accuse, ma a infittire il mistero ci ha pensato il tabloid britannnico The Sun, che ha diffuso online un video della serata incriminata. Il calciatore è inoltre legato al colosso Nike con un contratto fino al 2023 ma l'azienda si dice "profondamente preoccupata dalle accuse inquietanti e continuerà a monitorare la situazione". Il portoghese avrebbe assunto una squadra di "fixer", figure professionali specializzati nel proteggere la reputazione di personaggi in vista, a cui avrebbe confessato di aver commesso la violenza di cui è accusato.

Share