No alle nozze gay: in Romania si vota il referendum

Share

Dalle 7 - ora locale - sono aperte le urne per votare su una modifica costituzionale.

Prima giornata di voto in Romania sul referendum per modificare la Costituzione e definire il matrimonio un'unione tra un uomo e una donna' e non, come previsto oggi, unione tra coniugi.

Читайте также: Rischio Salmonella nei croissant Bauli

L'intento è quello di impedire le nozze tra persone dello stesso sesso. In settembre il Senato ha votato a larga maggioranza per mandare avanti la consultazione popolare, che ha ottenuto il via libera anche dalla Corte Costituzionale. Per la validità del referendum e' necessaria una affluenza di almeno il 30% degli aventi diritto. Il referendum è stato appoggiato dalla Chiesa ortodossa - in Romania i cristiani ortodossi sono oltre l'80 per cento della popolazione - e dalla Coalizione per la Famiglia, organizzazione che include più di 40 gruppi religiosi e conservatori.

Sulla questione la premier romena, Viorica Dancila, ha cercato di spegnere le polemiche, ribadendo che "il referendum non è contro le minoranze sessuali", ma in molti nella comunità Lgbt e tanti giovani elettori sono convinti che sia un modo strumentale per coprire le accuse di corruzione, piovute su alcuni membri del governo di Bucarest.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2019 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Share