La Lube sconfitta dal Modena In Supercoppa fuori in semifinale

Share

Attacca out in parallela Russell e si torna in parità (6-6).

Già, perché un'attesa così lunga dall'ultima sfida e dall'annuncio del suo acquisto, avrebbe meritato un premio migliore, magari di giocarsi la coppa in finale. I Block Devils campioni d'Italia in carica, escono subito di scena dall'attesissima Supercoppa Italiana al cospetto di Trento, che con un perentorio 3-0 si guadagna la finale. La partita non decolla e nonostante gli uomini di Lorenzetti si limitino ad attaccare con una percentuale addirittura inferiore a quella della Sir (44% contro 54%), difendono molto e ricostruiscono con successo.

Debutto in gare ufficiali per il fuoriclasse cubano naturalizzato polacco che, tuttavia, si vede respingere - muri vincenti di Trento - i primi due attacchi; quindi il riscatto con l'ace numero uno della sua carriera in bianconero. E' stato assegnato, nel primo set, a Simone Giannelli per avere ammesso un tocco su schiacciata di Wilfredo Leon. Poi anche l'attacco da posto 4 della Sir sembra funzionare meglio, sia con Leon, sia con Lanza. Ma ancora una volta è troppo poco a fronte di una seconda linea di Trento, soprattutto con Grebennikov (toh, ancora lui ...), che difende di tutto e di più. È Trento a piazzare il primo break (17-14), subito annullato da Modena, che poi risponderà con un contro break (22-19). Perugia, però, ha finito i videocheck e una situazione come questa farà sicuramente discutere in merito alla nuova regola del cartellino verde. La partita tra Perugia e Trento ha poi un valore intrinseco visto pure la storia che lega le due squadre, che si daranno battaglia per conquistare il primo trofeo della stagione.

Domani, comunque, la Sir si troverà davanti una tra Modena e Civitanova e non solo potrà e dovrà onorare il campo e il suo pubblico, ma avrà l'occasione di saggiare un'avversaria che si ritroverà davanti nel cammino di Superlega.

Nel secondo set, le due squadre si alternano fino al 4-4.

L'Inter vince anche contro la Spal: Icardi ancora decisivo
ICARDI - "Sapevamo che non era facile, l'anno scorso qua abbiamo fatto fatica e sapevamo che quest'anno dovevamo fare qualcosa di più".

Formula 1, Hamilton trionfa a Suzuka. Vettel, contatto con Verstappen: è 6°
Come dodici mesi fa , è di nuovo il Gp del Giappone ad archiviare il Mondiale della Ferrari . Siamo entrati in curva fianco a fianco, non potevamo farla insieme.

Anche Daniele Bossari difende Lory Del Santo
Continua a tenere banco il caso a Mattino Cinque dove Pierluigi Diaco ha pesantemente attaccato anche l'ex della concorrente, Rocco Pietrantonio .

Arriva il pareggio (7 - 7) con Podrascanin dal centro. Alla fine dei giochi, quando il punto conta, si girano tutti dall'altra parte a quanto pare. Ace di Nelli e Trento è la prima finalista (24-26). Lisinac e Russell sono scatenati (12-6) e la ricezione ospite va a corto di fiato. Vedremo se nel terzo set il copione resterà lo stesso. Modena parte con il piede sull'acceleratore e con maggiore aggressività nella fase finale dei due set riesce a portarsi sul 2-0 con i parziali di 25-23 e 25-19. A lasciare il segno sono i 5 ace dei canarini. Ancora il muro trentino grande protagonista (16-22). Sempre Atanasijevic a tenere l'attacco perugino (16-17).

Leon positivo in attacco da posto 2: 12 - 10 Trento.

Leon incide al servizio ed è 18 a 22 per i trentini. N.e. Berger. All. Lorenzo Bernardi.

ITAS TRENTINO: Vettori 9, Russell 9, Candellaro 5, Giannelli 3, Kovacevic 16, Lisinac 6, Grebennikov (L); Van Garderen, Nelli 1.

Share