WTA, la rivelazione di Caroline Wozniacki: "ho l’artrite reumatoide"

Share

Avanza anche l'americana Sloane Stephens che ha regolato con un doppio 6-3 la tedesca Angelique Kerber. Domani in semifinale il 28enne di Shimane troverà il kazako Mikhail Kukushkin, numero 71 del ranking mondiale, proveniente dalle qualificazioni, che ha battuto in rimonta per 4-6 7-6 (2) 7-6 (4), dopo una battaglia di tre ore e 18 minuti, l'ungherese Marton Fucsovics, numero 40 Atp, che al secondo turno aveva eliminato Fabio Fognini.

La notizia shock che ha sconvolto il pubblico è arrivata dopo la sconfitta della campionessa danese contro Elina Svitolina e la conseguente eliminazione alle Wta Finals di Singapore: "Sono onesta - ha dichiarato Caroline - dopo Wimbledon ho iniziato a non stare bene". Ho pensato fosse semplice influenza, sono andata in vacanza e ho continuato a non sentirmi bene, ma ancora pensavo che nel giro di breve mi sarebbe passato.

"So cosa ha provato quando ha raccontato di essersi svegliata incapace di sollevare le braccia, è una sensazione che accomuna la maggior parte di chi è affetto da artrite reumatoide - ha sottolineato Celano -".

L'attuale terza tennista più forte al mondo, Caroline Wozniacki, ha rivelato il suo dramma: le è stata da poco diagnosticata l'artrite reumatoide, una malattia autoimmune responsabile di un'infiammazione alle articolazioni. Devi ascoltare il tuo corpo. Ma all'improvviso mi sono trovata a dover convivere con questo problema.

SAN FOCA Protesta No Tap contro Governo e M5S
In video postati sui social e diffusi in chat dai No Tap si vedono alcuni attivisti che strappano le tessere elettorali. E sarebbe il caso che questa documentazione non resti nel chiuso delle stanze delle riunioni private di palazzo Chigi.

Torino-Fiorentina, live streaming gratis e diretta tv free: come fare con Dazn
Il Torino meritava di vincere, potevamo fare meglio davanti al loro portiere, ma l'avversario era molto forte. Mi piacerebbe rivedere certi episodi oggi, voglio vedere quanto incidono questi errori a fine anno.

È morta Sara Anzanello, grande della pallavolo
Ci fu una lunga e faticosa riabilitazione , faticosissima, ma anche la la rinascita. "E' una notizia sconvolgente". Alle sue spalle ben 278 presenze nella nazionale maggiore ed un oro ai Mondiali conquistato nel 2002.

"Ho imparato come affrontare i match". Sono molto orgogliosa di come abbia affrontato la situazione e sia rimasta molto positiva e abbia cercato che ciò non mi ostacolasse.

E conclude con un invito a chi è affetto da queste patologie: "Non scoraggiatevi di fronte ai disturbi che vi crea la malattia, ma combattete per affrontarla giorno dopo giorno". Oltre alle cure, dovrò fare attenzione alla mia dieta, al riposo e a tutto il resto.

"Il dottore mi disse che era tutto ok, ma io sapevo che non era così". Si è detta convinta che questa non avrà un impatto significativo sulla sua carriera. Ci sono molte famiglie lì, e tutti si conoscono.

Share