Bolsonaro, nuovo amico di Salvini, e quel regalo di nome Battisti

Share

Il candidato di estrema destra Jair Bolsonaro ha vinto il secondo turno delle elezioni presidenziali brasiliane in base ai risultati parziali del conteggio dei voti. A Rio de Janeiro, i festeggiamenti si concentrano sul lungomare della Barra da Tijuca, il quartiere residenziale dell'Ovest della città dove vive Bolsonaro, mentre a San Paolo i simpatizzanti si sono riuniti in due punti diversi della Avenida Paulista, principale arteria della megalopoli.

Le incognite, sul futuro del Brasile, sono sempre più numerose. Durante la campagna elettorale, il confronto con Haddad si è concentrato soprattutto sulla rete, lo strumento di comunucazione e informazione più usato in Brasile. In questo, l'America Latina si sta accodando ad una tendenza che è ormai planetaria. Hanno fatto molto discutere anche le sue espressioni a favore della tortura e della dittatura. E l'esser nuovi, nell'era post-ideologica, è un valore che si converte facilmente in milioni di voti. Ma sono stati anche molti tra gli elettori del partito dei Lavoratori, quello a cui appartiene lo sfidante, a votare per lui, essendo stanchi di anni e anni di promesse mai mantenute e impegni traditi, oltre che dalla strisciante corruzione che ha messo in ginocchio le casse dello Stato.

Ticinonline - Wta Finals, sorridono Stephens e Bertens
Sloane Stephens è quella messa meglio, avendo due vittorie all'attivo, mentre speranze ridotte quasi al lumicino per Naomi Osaka , sconfitta per due volte.

Sinead O' Connor si converte all'islam, da oggi si chiama Shuhada
La musicista, 51 anni, si è affermata nei primi anni '90 grazie a una serie di hit tra cui spicca 'Nothing Compares 2 U' , canzone scritta da Prince.

E. League, pietre contro bus Lazio
Per il tecnico francese si tratta dunque di una sfida nella sfida: "Sarà una partita speciale, anche se ho rispetto per i tifosi laziali".

Anche in #Brasile i cittadini hanno mandato a casa la sinistra! Haddad è partito in svantaggio, giacché il Pt ha scelto di spingere fino all'ultimo termine possibile la candidatura di Lula - bocciata dalle autorità elettorali a causa della sua condanna a 12 anni per corruzione - e non è riuscito né a spostare sulla sua candidatura i voti assicurati dal suo mentore politico né ad ottenere l'appoggio di leader politici di altri partiti per lanciare il suo progetto di "unità democratica" contro Bolsonaro.

"Come già detto, riaffermo qui il mio impegno di estradare il terrorista Cesare Battisti, amato dalla sinistra brasiliana, immediatamente in caso di vittoria alle elezioni", fu uno dei Tweet sull'argomento pubblicati da Bolsonaro nelle scorse settimane, mostreremo al mondo il nostro totale ripudio e impegno nella lotta al terrorismo. "Bisognerà vedere - aggiunge - se questi attacchi proseguiranno anche nel corso della sua presidenza".

Share