F1 2018: GP Messico: le pagelle dell'Hermanos Rodriguez

Share

Con 70 punti di vantaggio su Sebastian Vettel, e 75 punti ancora da assegnare, Lewis Hamilton può aggiudicarsi il titolo anche se il tedesco dovesse vincere tutti e tre gli ultimi Gran Premi: per farlo dovrebbe soltanto accumulare 6 punti in tre gare, un traguardo decisamente alla portata di pilota e scuderia.

Red Bull in copertina anche nella sessione pomeridiana a Città del Messico. Ma vediamo nel dettaglio. Red Bull, invece, avrà 9 treni di Hypersoft sia con Ricciardo che con Verstappen; l'australiano potrà contare poi su 3 treni di Ultrasoft rispetto ai 2 di Verstappen, ma avrà un solo set di Supersoft contro i 2 dell'olandese. Ho dovuto lottare, non è stata una vittoria semplice ma è stata una cosa positiva per noi e per tutti, perché è stata una gara divertente. È il Gran Premio che potrebbe sancire la vittoria del Mondiale da parte di Lewis Hamilton con due gare di anticipo: gli basterà arrivare davanti a Sebastian Vettel o fra le prime sette posizioni finali. Sulle mescole nuove, la Force India si avvicina alla Renault di Hulkenberg, ma un problema tecnico rovina la domenica del "Checo" nel suo Messico.

Allerta meteo. Lunedì 29 scuole chiuse nella capitale
Su via Cristoforo Colombo si sta completando l'intervento di rimozione in quota di rami pericolanti su circa 10 pini. I venti saranno al mattino moderati e proverranno da Sudest, al pomeriggio moderati e proverranno da Sud-Sudest.

Usa: sparatoria in sinagoga Pittsburgh, molti morti
Anche lui sarebbe rimasto ferito, e avrebbe urlato alle squadre di intervento speciale: " Tutti questi ebrei devono morire ". Ha ucciso diverse persone ma il bilancio non è ancora chiaro: si va dai quattro agli otto morti a seconda delle fonti.

Desirée, la procura indaga per omicidio e stupro
"Non lo so se respirava ma sembrava già morta , perché la sua amica ripeteva che l'avevano drogata e violentata e che era morta". Foto Lazio Notizie La zona di Roma San Lorenzo presidiata dalla polizia. "L'altra ragazza era italiana, credo romana".

La pista messicana è intitolata ai fratelli Rodriguez, Ricardo e Pedro, entrambi piloti di Formula 1 scomparsi prematuramente per incidenti in pista. Penso che avevamo il settimo posto in tasca e la strategia che abbiamo pianificato è stata un successo. A una più attenta analisi risulterà persino di non essere stato poi tanto distante dallo spagnolo, ma si sà, il mondo della Formula 1 è crudele e lo spazio devi cercartelo sgomitando. Max approffita della grande competività della sua Red Bull per scappare, mentre da dietro Alonso si ritira dopo aver preso i detriti della macchina di Ocon in una partenza caotica per il gruppo centrale. In ottava la Haas di Grosjean e l'altra McLaren di Vandoorne, in nona l'altra Haas di Magnussen e la Williams di Stroll, in decima Sirotkin e il penalizzato Gasly con la seconda Toro Rosso.

Share