Daniele Bracciali radiato a vita per match fixing!

Condividere

E' una autentica mazzata quella che ha colpito il tennista aretino.

Mano pesantissima con Daniele Bracciali è stato radiato a vita e multato di 250.000 dollari (circa 220.000 euro): il toscano è stato ritenuto colpevole di aver truccato alcuni incontri.

L'Europa boccia la manovra
Con quello che il Governo italiano ha messo sul tavolo, vediamo un rischio che il Paese cammini nel sonno verso l'instabilità. L'economia italiana è sana, se qualcuno ci gioca contro, vuol dire che ha interessi economici.

GfVip, le anticipazioni: Donatella si separano, ecco chi sarà il primo finalista
Mediaset conferma che l'ultima puntata sarà quella del 10 dicembre e smentisce che ne fosse stata mai pensata una diversa. Ci ho pensato dopo alle conseguenze, ero troppo concentrato su di me per risolvere delle cose che dovevo capire.

F3, tremendo incidente per Sophia Floersch al Macau GP 2018
Una pilota tedesca di 17 anni Sophia Floersch ( Van Amersfroot Racing ) è rimasta coinvolta in un gravissimo incidente . Tragedia sfiorata in Formula 3 dove Sophia Floersch ha perso il controllo della sua vettura finendo sulle tribune.

Bracciali è stato giudicato da Richard McLaren, ufficiale dell'Anticorruzione nell'ambito di un'indagine aperta dalla Tennis Integrity Unit, fondata dal Grand Slam Board, dalla Federazione Internazionale (Itf), dall'Atp e dalla Wta. A Bracciali - si legge sulla 'Gazzetta dello Sport' - è stato inoltre imputato d'aver facilitato un giro di scommesse in relazione a quegli incontri. Radiazione totale dunque da eventi organizzati dall'ATP a cui non potrà partecipare nemmeno come spettatore. Starace, che si è ritirato da tempo, è stato condannato con una sentenza separata. I due erano già stati puniti dalla Federtennis (Bracciali stop di 12 mesi, Starace poi assolto). Dura sanzione anche per Potito Starace, ora ritiratosi, che è stato squalificato per dieci anni da ogni attività legata al tennis oltre ad avere una ammenda di 100mila dollari. Entrambi gli atleti, assolti in secondo grado dalla giustizia italiana, potranno fare appello alla Corte Arbitrale per lo Sport.

Condividere