Ancelotti non chiude a Cavani: "Allenarlo a Napoli? Mai dire mai"

Share

Sul sopracciglio: "E' incontrollabile (ride, ndr)". "E' un sogno e per fortuna non è una utopia. I sogni possono essere realizzati, le utopie no". Ci sono stati confronti su questo. "A Napoli mi trovo bene, mi piace". A Napoli c'è una bella famiglia. "E dopo aver vissuto in città come Londra o Monaco, la apprezzi ancora di più". Tutti i tifosi, anche quelli del Napoli, devono cambiare atteggiamento e non insultare gli avversari. Ci faremo rispettare in trasferta, c'è un regolamento che parla chiaro. Andare via in caso di insulti razzisti? "E' un buon giocatore". Todibo è un calciatore molto giovane che seguiamo. Al momento non è possibile vederlo al Napoli.

Si torna a parlare di Champions League: "E' un momento che determinerà la seconda parte della stagione". Se il presidente avesse voluto prendere un altro allenatore, ora non sarei qui. Non penso che ci sia la possibilità che parta qualcuno ed io non sento questa esigenza, questa voglia, di privarsi di Diawara. Il Var in Champions già dagli ottavi? Con mio figlio c'è un rapporto costante, si parla di calcio anche al di fuori del campo a differenza degli altri collaboratori. C'è l'intenzione e la volontà di utilizzarlo un po' di più. Sì, mi sono arrivate alcune notizie in merito. Il VAR deve solo mostrare lui. "Io dico che la VAR andrebbe utilizzata un po' di più".

Il Milan, Berlusconi e Galliani. Confermi? "Anche! Sono nato fortunato". Anche ADL? Sì, anche il presidente. Poi si tratta anche il rinnovo di Hysaj.

Ci credete allo scudetto? . "Non è adesso che dobbiamo fare calcoli. Faremo un primo bilancio a fine girone di andata, vedremo quanto saremo distanti dalla vetta". "E se dovessimo vincere qualcosa - ammette - lo farò sicuramente". "Mi piacerebbe imparare la 'Livella' di Totò e declamarla". Ancelotti risponde così: "Ho allenato tanti campioni, ma non ancora lui". "Maradona? È stato il calciatore più difficile da incontrare, ma anche il più corretto, il più onesto. A volte ci si doveva adattare". Se il signor Cavani volesse venire sarebbe ben accolto come un giocatore di classe, in più. "I campionati sono tutti difficili per diversi aspetti". Ogni campionato ha le sue caratteristiche.

Dove nasce Insigne in attacco? . "Più facile mettere Hamsik regista per me".

Sulla pizza: "Quando la mangi a Napoli non la mangi più da nessuna parte". E lo stesso vale per la mozzarella. A me la pizza piace margherita.

Paolo Savona e la Manovra del Popolo da riscrivere
E in politica come nello sport squadra (e tattica) che perde si cambia. "Non si può più andare avanti così, non ha senso".

Salvini alla Ue: "Basta insulti, non siamo mercanti di tappeti"
Non con un'ironia che stride. "Ne riparleremo ma nessuno mi convincerà mai, ad esempio, che la Fornero sia una legge giusta". Agenpress - "Il popolo italiano non è un popolo di mercanti di tappeti o di accattoni.

Premier spagnolo: c'è intesa su Gibilterra, voterò a favore Brexit
La relazione futura, afferma la bozza, "sarà radicata nei valori e negli interessi che l'Unione e il Regno Unito condividono". L'intesa raggiunta fra Londra e Madrid rimuove le obiezioni spagnole, senza dover riaprire le discussioni generali.

Hai litigato con De Laurentiis? "Ancora no, non abbiamo avuto neanche discussioni. C'è sicuramente rispetto reciproco, quello di sicuro".

E' già innamorato di Napoli? Mi piace molto, non ho nessun problema a cantare. "Napoli ha scelto me". E' un segno di affetto e riconoscenza oppure di supporto. Dipende dai momenti e dalle situazioni. "Giocando lì può rifiatare di più e sfruttare al meglio le sue qualità". "Abbiamo una struttura societaria ben inquadrata - osserva il tecnico - e molto efficiente che sul mercato si muove bene".

Sei stato amato ovunque tu sia andato. "Ho fatto tante esperienze e ho lasciato bei ricordi". "Quale discorso motivazionale faccio ai ragazzi di solito?" Dovete avere la competitività con voi stessi. "Ad allenare no, ma in vacanza sì. Spero di restare tanto tempo per fare un tour delle pizzerie".

Sui canti fatti con la squadra: "Il canto fa gruppo ed è la mia seconda passione dopo il calcio". Insigne-Kou? C'è un bel gruppo, altissimo livello. Io credo possa tornare a Napoli, ma non so dire quando. "Mario Rui (ride, ndr)".

Il suo Napoli e la sua Napoli, Carlo Ancelotti ne ha parlato a Kiss Kiss Napoli con il disincanto che lo contraddistingue. Alle 17.30 andrà in onda l'allenatore azzurro, tante sono le domande in programma.

Share