Mirabelli: "Ausilio non ha gradito il mio passaggio al Milan"

Share

L'ex dirigente del Milan Massimiliano Mirabelli in un'intervista a tutto campo a Sportitalia ha parlato della controversa esperienza di Leonardo Bonucci al Milan.

Sul centravanti (Aubameyang e Morata) che non è arrivato: "Da anni è risaputo il rapporto con Aubameyang, ci siamo visti più volte e lui era il mio unico obiettivo per l'attacco anche se il Dortmund chiedeva tanto". Parlammo anche di ingaggio e trovammo l'accordo su tutto, ma poi la proprietà cinese bloccò tutto perché non era sostenibile. "Abbiamo ascoltato anche lui, ci abbiamo parlato con un contatto diretto senza, però, arrivare a una trattativa". "Credo che siano giocatori che possono costituire una base importante per il futuro e mi spiace che Silva non sia rimasto perché sono certo che avrà un futuro importante". Ricordiamo che Donnarumma non aveva rinnovato col Milan prima del mio arrivo nonostante gli ottimi rapporti coi rossoneri, fu un'estate molto calda e impegnativa che però alla fine ha portato al prolungamento del portiere senza dare a Raiola i 30-40 milioni di euro di commissione. "I toni a volte sono stati abbastanza accesi". "Molti vogliono solo ed esclusivamente iniziare dall'università, lui è partito dall'asilo e sta dimostrando di valere". "Il milione al fratello?" "Ibra al Milan? No. Anche a noi Raiola l'aveva offerto, ma il Milan ha la necessità di mettere quegli elementi per crescere e costruire e far partire un nuovo ciclo". Qualcosa bisogna cedere, andava tutto bene. L'ex ds ha poi speso belle parole per Rodriguez, "un giocatore che non ruba l'occhio ma è uno dei migliori per interpretazione del ruolo".

Napoli-Stella Rossa, Hamsik: "Liverpool? Andremo a giocarcela, sarà un match infuocato"
Queste partite ci sono servite per prendere vantaggio su Liverpool e PSG , dobbiamo cercare di sfruttarlo nell'ultima gara. Ci hanno criticati, perché non segnava sui calci d'angolo: al primo tiro dalla bandierina ha segnato.

Salvini alla Ue: "Basta insulti, non siamo mercanti di tappeti"
Non con un'ironia che stride. "Ne riparleremo ma nessuno mi convincerà mai, ad esempio, che la Fornero sia una legge giusta". Agenpress - "Il popolo italiano non è un popolo di mercanti di tappeti o di accattoni.

Rugby, Ghiraldini: con All Blacks match fisico
Nello stadio "prestato" al rugby per un pomeriggio si è consumata la 14esima sconfitta dell'Italia contro gli All Blacks . Quando Tommaso Allan accorcia sul 3-5 con un bel piazzato, l'Olimpico accoglie i prime punti azzurri con un boato.

Su Paquetà: "Si tratta di un giocatore di un buon talento, ma non avrei fatto un grande investimento per lui". "E' un grandissimo talento che ha fatto vedere per il 40% il suo potenziale".

Share