Multe a Tim, Wind e Tre per bollette a 28 giorni

Share

Le bollette su 28 giorni non vanno giù all'Agcom, che riserva una vera e propria stangata su Tim e Wind Tre, colpite da pesanti multe.

La Tim è stata multata per un milione è mezzo di euro, mentre Wind Tre ha subito una sanzione di 870mila euro.

La seconda violazione, punita con due multe da 232 mila euro (per un totale di 464mila euro) e relativa a comportamenti commerciali più o meno dello stesso genere, riguarda invece la clientela fissa e mobile del segmento business. La decisione è stata annunciata con due comunicati pubblicati sul sito dell'Autorità, che si concentrano sull'assenza di trasparenza nella comunicazione tra aziende e clienti. Per i consumatori, in ogni caso, c'è almeno la certezza che entro la fine dell'anno avranno i 'rimborsi' per i giorni illegittimamente erosi con la pratica dei 28 giorni: a confermarlo è stato pochi giorni fa proprio il Tar del Lazio, che ha respinto la richiesta di Vodafone di sospendere il provvedimento dell'Autorità.

Juventus, Chiellini: "A fine mese faremo un bilancio"
Era importante centrare il passaggio del turno in Champions League, ora pensiamo ad un impegno alla volta. Sapevamo che sarebbe stata una trasferta difficile, la Fiorentina quest'anno è una schiacciasassi in casa.

Manovra, governo: "Non è questione di decimali"
Secondo le intenzioni del Governo la platea per il reddito di cittadinanza e riforma della legge Fornero non subirà variazioni. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.

Roma, il piccolo Alex è arrivato al Bambino Gesù: "Condizioni buone"
La percentuale di guarigione definitiva nei bambini con immunodeficienza primitiva è dell'85 per cento. Ad oggi, però, non è stato trovato un donatore compatibile.

Giustizia è stata fatta grazie all'Associazione Garante per i diritti del Consumatore (AGCOM) che ha imputato a TIM e Wind la colpa di aver adottato una scarsa politica di trasparenza per le offerte. "A maggior ragione il diritto di recesso, che non può essere esercitato senza un'informazione esaustiva e chiara". E' quanto stabilito da tre distinte delibere dell'Agcom.

Le società hanno 60 giorni per impugnare le delibere.

Share