Spalletti: "Lautaro non ha bisogno di protezione, Perisic e Nainggolan sono sereni"

Share

Ormai siamo in un calcio in evoluzione, ha detto delle cose che di posso dire, non particolari. Ci aspetta una gara difficilissima, anche perché la classifica non descrive al meglio il loro gioco e il loro passato. E' quasi arrivata alla finale di Champions. Andremo a giocare con tranquillità.

"Sono dichiarazioni normali. Siamo in un calcio in evoluzione". Io a Roma ci ho vissuto sette anni e ho voluto bene a molte persone. Vuol dire che abbiamo fatto un grande passo in avanti. Poi se hai a che fare con una squadra di campioni come il Tottenham possono sterzare e prendere il vantaggio in qualsiasi momento. Tantissime azioni e capovolgimenti di fronte, che forse impediscono all'Inter di essere lucida come altre volte. Ora è pronta e deve dare a se stessa un ruolo.

Su Nainggolan: "L'infortunio nel ritiro estivo ha creato complicazioni. Così si falsano i campionati", ha proseguito un furioso Totti.

Latina protagonista alla fiera "Più libri più liberi": gli appuntamenti a Roma
Primo appuntamento a inaugurare la Fiera sarà la diretta RAI con lo speciale di Quante storie condotta da Corrado Augias . Un ricco programma di appuntamenti per gli addetti ai lavori provenienti dall'Italia e, sempre di più, dall'estero.

Michael Schumacher volto oggi, condizioni: arrivano notizie da padre Georg
La sua faccia, come tutti sappiamo, è il tipico volto di Michael Schumacher , è diventato solo un po più pieno" ha rivelato. Gänswein ha definito " ergreifende " ovvero "commovente" l'incontro con il sette volte campione del mondo di F1.

Le tensioni Russia-Ucraina dopo il varo della legge marziale
L'azione sarebbe coordinata tra Guardia nazionale, la Rosgvardia, e l'unità di frontiera del Servizio federale di sicurezza (l'intelligence interna, nota come Fsb).

Parte molto bene l'Inter nei primi minuti, mostrando un gioco rapido e fluido, mancando solamente nell'ultimo passaggio. "E' una vergogna. E' impossibile non vederlo", ha tuonato Totti dai microfoni di 'Sky Sport', facendo riferimento al contatto in area tra D'Ambrosio e Zaniolo, con rigore non concesso e successivo contropiede che ha permesso a Keita di andare in rete. Poi subisce qualche fiammata della Roma, ma riesce comunque a restare in partita e tornare pericolosa. Il ragazzo non ha bisogno della difesa di nessuno.

Totti. "Se lo trovo lo saluto volentieri". Sono arrivato che avevamo preso trenta punti dalla Roma. Siamo arrabbiati, dobbiamo dimostrarlo sul campo. "E' segno che abbiamo fatto un lavoro straordinario". Fino al numero 13 di calciatori a disposizione sono squadre che non hanno problemi. Noi dobbiamo avere chiaro il nostro obiettivo al di là del nome del nostro avversario.

Share