Gilet gialli, governo annuncia moratoria sull’aumento delle tasse dei carburanti

Condividere

La protesta dei gilet gialli è degenerata nel primo pomeriggio, forze dell'ordine hanno usato lacrimogeni e idranti per disperdere i manifestanti - tra le 200 e le 300 persone - a ridosso del perimetro delle istituzioni federali dove è vietato ogni tipo di corteo, anche se una cinquantina di essi sono riusciti a spingersi fino al quartier generale della Commissione europea. Si tratta dei giovanissimi: coloro che (sostiene la stessa) cercano solo "di fare casino". Sono convinto che quando metti dei francesi di buona volontà intorno a un tavolo si possono trovare delle soluzioni.

Diverse le condanne da parte del mondo politico francese.

Jane Alexander a Verissimo, le rivelazioni sull’alcolismo
Lui è un uomo sensibile, intelligente. "Parlavo di argomenti sessuali con questa voce che piaceva un po' a tutti". Per ora sono molto contento, sto veramente bene con lei, lei mi fa tranquillizzare, mi fa riflettere.

Amazon: spedizione standard gratuita per tutti fino al 5 Dicembre
Per accedere alla promozione non si dovrà far altro che utilizzare il codice promozionale RICEVIGRATIS al momento del pagamento. Scopri le migliorie offerte del Black Friday 2018 : sconti e promozioni per risparmiare sui tuoi acquisti!

Gilet gialli,incidenti dilagano a Parigi
Ciò che lamentano è la scarsa considerazione che le politiche governative hanno nei confronti dei cittadini. Il premier Edouard Philippe ha annunciato 36.000 manifestanti in tutta la Francia, 5500 a Parigi .

I sindacati di polizia hanno parlato di colleghi "esausti per la tensione prolungata" ed hanno chiesto espressamente di vietare la manifestazione. Anche i giardini delle Tuileries sono stati infatti teatro di proteste, subendo danni di minor entità. Edouard Philippe è arrivato nel suo ufficio intorno alle 7 del mattino. Aggiunte agli aumenti delle imposte sul gas, sul tabacco, della CSG (i contributi sociali in busta paga), gli incrementi hanno avuto un impatto negativo sul potere d'acquisto. "Macron démission!", Macron dimissioni: è quanto ha gridato un gruppo di gilet gialli all'indirizzo del presidente attorno all'Arco di Trionfo. Né popolo né élite, ci verrebbe da dire, ma gente che detesta antropologicamente il residente parigino che va in ufficio (magari a distanza di 500 metri) con la bici e poi ti spiega la bellezza dell'aria pulita. "Fino alle 23.10 di ieri sera (3 dicembre, ndr) era sempre in programma che noi andassimo a Matignon". Certo con aspetti di determinazione propria delle lotte in Francia. Il video, presto diventato virale con milioni di visualizzazioni, ha di fatto incanalato e fatto scoppiare il malcontento di alcune fasce della popolazione, che ha così deciso di organizzarsi e protestare scendendo in piazza. In realtà, i casseurs specialmente di estrema destra con le loro violenze rischiano di giustificare "lo stato di emergenza" che alcuni del governo Macron vorrebbero instaurare. Lì, nella Francia profonda, soprattutto nel nord e al sud - passando per la grande dorsale della valle del Rodano - ci sono le persone e le famiglie che vivono con salari modesti e che sono costretti a prendere l'automobile per recarsi al lavoro.

Condividere