Tagli alle pensioni, i sindacati scendono in piazza a Treviso

Share

La prima delle mobilitazioni unitarie in programma contro la manovra del governo nazionale ha come protagonisti i pensionati: l'appuntamento è venerdì dalle 10 alle 12 davanti alle prefetture di Cagliari, Sassari, Nuoro ed Oristano dove, in concomitanza con iniziative simili in tutta Italia, si svolgeranno i presidi unitari Spi Cgil, Fnp Cisl, Uil pensionati.

Pensionati in piazza anche a Bari, come in altre città italiane, per protestare "contro i tagli previsti dalla legge di stabilità e per richiedere il rispetto degli accordi che prevedono la piena rivalutazione delle pensioni a partire dal 01/01/2019".

Napoli, colpo in entrata: è vicino Almendra del Boca
Il discorso con il Boca Juniors per il giovane centrocampista è avviatissimo, con l'accordo totale che è dietro l'angolo. Il calcio sudamericano è da sempre fucina di grandi talenti e il settore giovanile del Boca è uno dei più produttivi.

Roma, Di Francesco sempre in bilico: per la panchina spunta anche Panucci
Certo, per il giovane talento la serata sarà indimenticabile: "Il primo gol in Serie A lo sognavo sin da quando ero bambino". Felice e soddisfatto Eusebio Di Francesco , euforico per il successo ottenuto dalla Roma contro il Sassuolo .

Cecilia Rodriguez rompe il silenzio: ‘Sarò mamma…’
Spazio anche per il privato con uno scorcio su come sarà l'imminente Natale: "Di solito ci scambiamo i regali alla vigilia". Pensieri rivolti verso il 2019 quelli di Cecilia Rodriguez che non si nasconde riguardo i suoi obiettivi.

Questo governo invece ha deciso di fare cassa sulle spalle dei pensionati italiani e tutto questo è inaccettabile. Pensionati che portano a casa circa 1.200 o al massimo 2 mila euro netti e che, già soggetti a una delle tassazioni più alte d'Europa, all'anno si vedranno sottrarre dai 60 ai 120 euro; perdita che si traduce per il resto della vita pensionistica. Un'idea lacerante e divisiva del Paese al quale i sindacati confederali dicono di no e quella dei pensionati è solo la prima di una serie di mobilitazioni.

Se questo dietrofront non avverrà, "porterà ad una vera e propria patrimoniale sulla solidarietà, che impatterà inevitabilmente sulla parte più fragile e debole della popolazione", scrivono in una nota i sindacalisti Maurizio Lunghi, segretario generale Cgil Bologna, Danilo Francesconi, segretario generale Cisl Bologna e Giuliano Zignani, segretario generale Uil Emilia Romagna. Un documento di bilancio fatto di debito colpisce le nuove generazioni, sposta solo in avanti il peso di questa manovra. Da anni chiediamo che venga finalmente riconosciuto ai trattamenti pensionistici un meccanismo di rivalutazione che risponda ai reali bisogni di milioni di pensionati e pensionate - hanno spiegato i rappresentanti sindacali -.

Share