Vertice sul terremoto, Di Maio: "Stop mutui per chi ha subito danni"

Share

Un esempio numerico è quello di un albergo etneo: la convenzione stipulata con la Regione Sicilia, che paga le stanze, prevedeva l'arrivo di un centinaio di sfollati, ma si sono presentati in poche decine. Sempre oggi sono preseguiti i controlli con 20 squadre che verificheranno la staticità degli immobili danneggiati.

Luigi Di MaioTerremoto a Catania, le scosse non si fermano.

Il 2018 si chiude con una conferma: nonostante una flessione di un punto su base mensile, in caso di nuove elezioni, la coalizione di centrodestra sarebbe l'unica forza in grado di ottenere la maggioranza in Parlamento, presentandosi alle urne con il favore di un +7,1% rispetto al consenso ottenuto alle elezioni politiche di marzo. Auspichiamo che adesso il governo centrale possa deliberare la nostra richiesta, insieme alle risorse necessarie per i primi interventi. "E altrettanti fondi per l'adeguamento antisismico degli edifici pubblici, che è un altro elemento molto importante". "Non abbiamo ancora il quadro chiaro dell'effettivo ammontare dei danni, perché i sopralluoghi sono solo all'inizio".

Il ministro dell'Interno, inoltre, ha rassicurato gli sfollati: tutti avranno un tetto sulla propria testa, al più presto.

Prima il cesto, poi il licenziamento: Natale amaro per 40 lavoratori
Che ora, come se niente fosse, licenzia 40 dipendenti lasciando loro e le loro famiglie nello sconforto, appena dopo Natale . Anche i sindacati sono sconvolti , perché nell'azienda non c'erano avvisaglie di crisi, anzi, si parlava di ampliamento.

Lo tsunami fa strage in Indonesia: 280 morti e oltre 1000 feriti
E' salito a oltre 300 morti e 800 feriti il bilancio dello tsunami causato dall'eruzione del vulcano attivo Krakatoa . Le autorità hanno diramato un'allerta esortando la popolazione nell'area "a stare lontano dalle spiagge".

Nadia Toffa e la chemio alla vigilia di Natale
Ringrazio i medici e gli infermieri che nel giorno più speciale e familiare dell'anno sono qui per noi malati. Dal viso traspare quanto sia provata, anche se la giornalista, ancora una volta, sorride con coraggio.

Di Maio ha poi sottolineato che nella manovra ci sono 850 milioni "come primo intervento per il dissesto idrogeologico".

Domani si riunirà il Consiglio dei ministri per dichiarare lo stato di emergenza nelle zone del catanese colpite dal sisma. E' l'ipotesi che prende corpo, secondo fonti politiche, per i due vicepremier che, alle 15, dovrebbero incontrare i giornalisti a Palazzo Minoriti dopo avere partecipato a una riunione sulle emergenze eruzione e terremoto nella prefettura di Catania con, tra gli altri, il capo dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli e il prefetto Claudio Sammartino.

"Fortunatamente gli esperti che stanno seguendo l'evolversi della situazione sull'Etna ci dicono che è sotto controllo".

Il ministro dell'Interno ha concluso parlando della ricostruzione e del rischio infiltrazioni mafiose.

Share