Dal 2019 con fatturazione elettronica meno evasione e più competitività

Condividere

Ormai ci siamo quasi: dal 1° gennaio 2019 entrerà in vigore l'obbligo di fatturazione elettronica per una buona parte delle partite Iva italiane. Ma quali dati deve contenere una fattura elettronica? Se però il cliente non è un soggetto IVA, o comunque non è obbligato alla fatturazione elettronica in quanto in regime di vantaggio o forfettario, allora in tal caso non servirà la PEC ma sarà sufficiente inserire il valore '0000000' nel campo del codice destinatario. Se il destinatario è un titolare di Partita Iva può anche comunicare l'indirizzo di Posta elettronica certificata (PEC) e in questo caso il Codice Destinatario sarà composto da 7 zeri ("0000000"). Bisogna dire che, al contrario di quello che si potrebbe pensare, i vantaggi garantiti sono davvero molti, anche se è normale provare timore davanti ad un importante cambiamento come quello appena descritto.

Inoltre, selezionando il link Fatturazione elettronica nella home page del portale "Fatture e Corrispettivi" è possibile attivare il servizio gratuito di conservazione elettronica che permette che tutte le fatture elettroniche (così come le note di variazione) emesse e ricevute attraverso il Sistema di interscambio siano portate automaticamente in conservazione elettronica.

Chi è interessato L'obbligo di fattura elettronica vale sia nel caso in cui la cessione del bene o la prestazione di servizio è effettuata tra due operatori Iva (operazioni B2B, cioè Business to Business), sia nel caso in cui la cessione/prestazione è effettuata da un operatore Iva verso un consumatore finale (operazioni B2C, cioè Business to Consumer). "A regime - ha poi aggiunto - queste modalità si tradurranno in risparmi di tempo e in una riduzione dei tempi di compilazione e inserimento rispetto alla forma cartacea". 1, commi da 54 a 89, della legge 23 dicembre 2014, n. 190).

Pensioni Quota 100, come cambia dopo l’accordo sulla manovra con l’UE
A 67 anni invece si potrà andare in pensione con le vecchie modalità e perciò con 20 anni di contributi versati. Rispetto all'anno scorso, quasi tutte le pensioni avranno aumenti di pochi euro l'anno.

Questore Milano: "Fatto gravissimo. Finora due persone arrestate"
Erano nel gruppo, poi con un'analisi ancora più attenta vedremo se sono interessati anche ai quattro feriti napoletani. Richiederò in via d'urgenza di vietare le trasferte dell'Inter fino alla fine del campionato .

Napoli, colpo in entrata: è vicino Almendra del Boca
Il discorso con il Boca Juniors per il giovane centrocampista è avviatissimo, con l'accordo totale che è dietro l'angolo. Il calcio sudamericano è da sempre fucina di grandi talenti e il settore giovanile del Boca è uno dei più produttivi.

In effetti per i medici convenzionati Asl che ricevono i cedolini dalla Asl competente territorialmente, la circolare ministeriale n. 98/E del 25.11.2015 stabilisce che per detti documenti viene escluso l'obbligo di emissione della fattura elettronica.

Come precisato nel comunicato stampa, il decreto attribuisce all'Agenzia delle entrate il compito di rendere noto al contribuente, alla fine di ogni trimestre, l'ammontare dovuto sulla base dei dati presenti nelle fatture elettroniche inviate attraverso il Sistema di Interscambio. Per i quali, tuttavia, la possibilità di utilizzare già dal prossimo anno la fattura elettronica non è affatto preclusa. Se almeno una delle parti tra emittente e destinatario aderirà al servizio facoltativo, l'Agenzia memorizzerà la fattura nella sua interezza, rendendola disponibile per la consultazione e lo scarico solo a chi avrà aderito al servizio.

Condividere