Tafferugli tra tifosi sulla A1: follia nell'area di servizio

Condividere

Secondo quanto emerge dalle immagini girate dalle telecamere di sorveglianza, prima del vetro infranto, i tifosi si sarebbero colpiti usando anche bottiglie vuote e cinture.

L'autobus con i tifosi granata, hanno spiegato gli investigatori, è stato intercettato al suo arrivo a Roma e i componenti sono stati bloccati dagli agenti della Digos capitolina per ulteriori accertamenti.

Lancio di sassi, spintoni e pugni questa mattina tra opposte tifoserie nell'area di servizio Chianti della A1. Le due tifoserie si sono incontrate perché quella granata era diretta verso la Capitale mentre quella bolognese viaggiava in direzione Napoli per la sfida contro la squadra di Ancelotti alle 18.

Zaniolo-Nainggolan, parla Monchi: "All'Inter non sono scemi, ma per Nainggolan hanno ceduto"
Ausilio: "Per arrivare a Nainggolan e vincere qualcosa abbiamo dovuto sacrificare un ragazzo di prospettiva come Zaniolo ". La risposta di Monchi a rappresentare la parte giallorossa: "Per Nainggolan abbiamo chiesto sia Radu che Zaniolo ".

La squadra è con il mister, parola di Gattuso
Un risultato inutile per la squadra rossonera, che spreca l'ennesima occasione di tenere la corsa della Lazio . Non ci attacchiamo però alla sfortuna, perché per fare gol bisogna essere freddi, e noi non lo siamo.

Droni all'aeroporto di Gatwick, arrestate due persone
L'episodio di mercoledì notte ha riacceso le polemiche sull'uso spregiudicato dei droni nei cieli della capitale britannica. L'ultimo aggiornamento dell'account Twitter ufficiale dell'aeroporto è di un'ora fa, e dice che i voli sono ancora sospesi.

Al momento non si hanno notizie di persone ferite.

"Stavamo aspettando gli ultimi amici per ripartire quando siamo stati investiti alle spalle da una sassaiola da parte dei tifosi del Bologna - dice una voce anonima -, in tanti anni di trasferte non ci era mai capitata una cosa del genere, siamo sempre stati un gruppo tranquillo". Secondo quanto precisato dalla stradale, gli ultrà sono stati scortati fino alla caserma della polstrada di Arezzo dove sono stati identificati. In base alla ricostruzione degli investigatori, i primi ad arrivare nell'area di servizio sarebbero stati i tifosi del Toro, una cinquantina in tutto, a bordo di un pullman.

Attraverso il proprio account Twitter è interventuo il ministro dell'Interno Matteo Salvini: "Cominciamo col tenere in galera questi deficienti, che non dovranno mai più mettere piede in uno stadio finché campano. Un vero tifoso non lancia sassi né usa coltelli, tolleranza zero!" le dure parole del vicepremier. Sembra che la pietra sia stata lanciata dalla parte dei bolognesi. Sul fatto indaga la Digos. Gli ultras coinvolti rischiano una denuncia per rissa e possesso di oggetti atti a offendere.

Condividere