Tifoso morto a Santo Stefano, sequestrata un'auto a Napoli

Share

Il destino dei due amici si compie l'ultimo giorno dell'anno, quando la Digos va prendere Marco Piovella, 33 anni, detto "il Rosso" per il colore che fu dei capelli, "appartenente da molti anni - lo inquadra ora il gip milanese Guido Salvini - al cosiddetto "direttivo della Curva" composto da una decina di elementi rappresentativi dei vari sottogruppi e con poteri decisionali".

Un'auto Audi station wagon, che era presente il 26 dicembre in via Novara a Milano, dove sono avvenuti gli scontri tra ultrà interisti e napoletani, è stata sequestrata a Napoli. "Il Rosso" ha detto andiamo, e io sono andato.

Piovella, designer di luci d'interni con una laurea al Politecnico di Milano, è stato arrestato il 31 dicembre dopo che Luca Da Ros, uno dei tre ultrà arrestati poco dopo il "combattimento" di San Siro, aveva fatto il suo nome, indicandolo come la mente dell'agguato ai napoletani. Una versione dunque che potrebbe riportare in auge l'ipotesi che vede un gruppo di tifosi del Napoli alla guida della vettura e non qualcuno trovatosi lì per caso che avrebbe accidentalmente investito Belardinelli.

ESCLUSIVA TMW - Fascetti: "Lazio, il bilancio è positivo. Milinkovic si è svegliato"
Negli ultimi anni, ovunque vada per la città, mi riconoscono ma il calcio è un lavoro nel quale conta molto il presente. Lì ho pensato se valesse davvero la pena rimanere, ma dentro di me pensavo di non volerla dare vinta a nessuno.

Venezia, con la manovra arriva il "ticket di ingresso"
Riguarderà solo i visitatori giornalieri e sarà alternativa all'attuale imposta di soggiorno, pagata da chi alloggia in hotel. Più difficile sarà applicarla ai passeggeri dei treni, come a chi arriva con l'auto privata.

Muriel tra il Milan e Fiorentina. Corvino non molla il colombiano
Gennaro Gattuso , dopo la vittoria sulla Spal, ha commentato anche i rumors spagnoli sull'arrivo di Luis Fernando Muriel in rossonero.

Quanto al resto degli scontri, invece, è probabile che si trinceri in un sostanziale silenzio. La dichiarazione che descrive la dinamica di quanto sarebbe accaduto e' riportata nell'ordinanza di custodia cautelare che l'ANSA ha avuto modo di visionare.

"Dede (il soprannome col quale era conosciuto Belardinelli ndr) era sull'asfalto - racconta Piovella - non so se perché perché scivolato o caduto accidentalmente". Non ricordo poi se l'autovettura si allontana immediatamente, lentamente o velocemente. La scena dell'investimento non è stata ripresa dalle telecamere, che non inquadravano il punto dell' impatto. Quindi gli investigatori stanno lavorando sulle immagini di auto che si allontanano subito dopo.

Share