SeaWatch 3 ancora in mare: arriva la missione di supporto

Share

Lo dice Matteo Salvini, commentando le parole del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, che a Radio Crc ha detto di augurarsi che la nave Sea Watch, da giorni nelle acque del Mediterraneo con decine di migranti, si avvicini al porto di Napoli, dicendosi pronto a guidare le azioni di salvataggio. E' quanto si legge sull'account Twitter dell'ong tedesca che il 22 dicembre scorso ha tratto in salvo nel Mediterraneo 32 migranti, tra cui tre bambini piccoli, e da allora è in attesa di una decisione europea sul porto dove farli sbarcare.

"Non possiamo continuare a cedere a questo ricatto, nessun bambino con la sua mamma può continuare a stare in mare ostaggio dell'egoismo di tutti gli Stati europei", ha aggiunto Di Maio, che - come confermato da fonti di Palazzo Chigi - ha anche discusso la questione con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel corso di una telefonata. Così il vicepremier della Lega rispondendo indirettamente all'annuncio dell'altro vicepremier, Luigi Di Maio, che si diceva disponibile ad accogliere donne e bambini a bordo delle navi Sea Watch e Sea Eye. "Due navi ai confini dell'Europa". Che però ha replicato rapidamente: "I porti italiani sono chiusi, abbiamo accolto già troppi finti profughi, abbiamo arricchito già troppi scafisti!" Ancora una volta solo l'Italia viene chiamata in causa. Possiamo inviare a bordo medicine, cibo e vestiti, ma basta ricatti. "Ma ad accogliere dovrebbe essere ancora una volta l'Italia", scrive su Facebook il ministro dell'Interno e vicepremier.

Читайте также: Biglietti Supercoppa italiana: già venduti 50 mila tagliandi

Nella ricerca di una "soluzione condivisa", la Commissione europea ha avviato delle consultazioni chiedendo ai singoli stati la disponibilità all'accoglienza di una quota dei migranti salvati. In mattinata la Sea Watch 3 è stata raggiunta da due navi umanitarie (della stessa Sea Watch e di Mediterranea) con parlamentari tedeschi e giornalisti partite da Malta. Questa missione congiunta ha tra i suoi scopi quello di portare supporto logistico e materiale alla nave, consentendo il cambio equipaggio e i rifornimenti. "Sono in mare da oltre 14 giorni, hanno alle spalle mesi di detenzione in Libia". "Un atto che dà la misura della disperazione delle persone soccorse".

"A bordo di Sea Watch è stato recapitato il messaggio di De Magistris che ci commuove e non ci fa sentire soli. È per questo che è importante che ci venga assegnato un porto sicuro che possa accoglierle". Le 32 persone a bordo, in cerca di un porto da ormai due settimane, "stanno aspettando di poter sbarcare a terra".

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2019 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Share