Pensioni Quota 100: si può smettere di lavorare a 59 anni

Condividere

Durante questo periodo gli iscritti alle gestioni Inps possono conseguire il diritto alla pensione raggiungendo un'età di almeno 62 anni con 38 anni di contributi, definita "quota 100".

Con quota 100 arriva anche la pace contributiva.

Lo scrive l'agenzia di stampa Adnkronos, che è in possesso di una bozza di decreto intitolata "Decreto legge contenente disposizioni relative all'introduzione del reddito di cittadinanza e a interventi in materia pensionistica".

Il successone dell’Agenzia delle Entrate sulla fatturazione elettronica
Per compilare una fattura elettronica è necessario collegarsi tramite un PC, tablet o smartphone alla rete internet. Se anche fossero state fatture cartacee, è il concetto, sarebbero state da cestinare.

Calciomercato, ritorno al Benfica per Mourinho? Difficile, ma non impossibile
Ma secondo i colleghi di A Bola , Mourinho avrebbe lasciato una porta aperta per la prossima stagione. Un no ma non definitivo, almeno da giugno in poi.

Hopman Cup, Kerber e Zverev ok: Germania batte Francia
Sia Williams che Federer hanno vinto il loro incontro singolo, giocato rispettivamente contro Bencic e Tiafoe. Nelle interviste post-gara sono arrivati i recripoci complimenti.

L'articolo 14 del decreto specifica che la nuova norma viene introdotta "in via sperimentale, per il triennio 2019-2021" confermando dunque che si tratta di una misura, almeno per il momento, transitoria e non definitiva. Inoltre, non potrà cumulare l'assegno con redditi da lavoro superiori a 5 mila euro l'anno, fino al raggiungimento dei 67 anni d'età. Se la quota 100 verrà maturata dal 1 aprile, potranno andare in pensione dopo 6 mesi. Sarà possibile solo per chi è interamente nel sistema contributivo e quindi non ha anzianità contributiva precedente il 31 dicembre 1995. La prima finestra per i privati per andare in pensione è aprile 2019 mentre la prima per i pubblici è luglio 2019. Il versamento potrà essere fatto con un'unica soluzione o al massimo in 60 rate mensili ognuna non inferiore a 30 euro senza applicazione di interessi per la rateizzazione.la rateizzazione non può essere concessa nel caso in cui i contributi vengano usati per l'immediata liquidazione della pensione. Come più volte sottolineato aderire o meno alla Quota 100 è assolutamente una scelta volontaria anche perché il lavoratore che sceglie di andare in pensione prima prenderà un assegno ribassato rispetto a quello che avrebbe preso andando in pensione all'età prevista in precedenza. Per accelerare i tempi, il provvedimento del Governo prevede che le pubbliche amministrazioni stipulino apposite convenzioni con le banche.

Prorogata l'Opzione donna. Il diritto al trattamento pensionistico anticipato, ricalcolato con il metodo contributivo, è infatti riconosciuto per le donne nate entro il 31 dicembre 1959 che abbiano maturato un'anzianità contributiva pari o superiore ai 35 anni.

Condividere