Ragazzino di 14 anni muore di influenza: l'ospedale lo aveva dimesso

Condividere

Luigi Martignago è morto a soli 14 anni in seguito a quella che sembrava una banale influenza. Quando il ragazzo, originario di Musano di Trevigiano, ha presentato i primi sintomi della malattia - febbre alta e forte mal di testa - i genitori lo hanno portato immediatamente in ospedale, preoccupati per il suo stato di salute. Ma i medici dell'ospedale di Montebelluna li avevano rassicurati, parlando di una semplice influenza e lo avevano rimandato a casa dopo avere prescritto una cura a base di antipiretici (Tachipirina). La Procura di Treviso ha stabilito che sul corpo del giovane venga eseguita un'autopsia per fugare ogni dubbio sulla reale causa della morte. Il virus avrebbe aggravato la situazione provocando l'infarto. Luigi, portiere di calcio del Ponzano, lascia il padre Giacinto e la madre, di origini giapponesi, e la sorellina che frequenta la quinta elementare.

Il Governo ha nominato Lino Banfi rappresentante dell’Italia all’Unesco
Il valore di Banfi sta invece nella sua popolarità e nella capacità di parlare al grande pubblico. Come si usa oggi, l'ultima parola spetta ai social.

Ufficiale, Boateng è del Barcellona: "Grazie Sassuolo, ora il gol nel Clasico"
Il Barcellona ha trovato a Sassuolo il giusto elemento per andare a rafforzare il suo reparto offensivo. Va dunque in porto una delle operazioni più clamorose di questa sessione invernale di calciomercato .

Eclissi di luna nel cielo di Genova, ecco le spettacolari immagini
Occhi al cielo lunedì 21 gennaio 2019 per il magnifico spettacolo offerto dall'eclissi totale di Luna . Vi mostriamo alcune immagini arrivate alla nostra redazione (quella di copertina è di Carmelo Mulé).

L'influenza in Veneto si sta intanto avvicinando al picco stagionale, previsto nelle prime settimane di febbraio: dall'inizio della stagione la sindrome influenzale ha già raggiunto 138mila persone, 36.200 solo nell'ultima settimana, come ha comunicato laDirezione Prevenzione del Veneto. I soggetti colpiti sono in prevalenza i bambini al di sotto dei cinque anni: l'incidenza è passata da 16 a 28 casi per mille assistiti nell'ultima settimana. Secondo le prime analisi condotte dai medici trevigiani, il decesso sarebbe sopraggiunto a causa di un infarto. Tre i casi gravi in Polesine.

Condividere