Parigi richiama Di Maio dopo incontro con gilet gialli

Condividere

C'è stato un "clima di grande entusiasmo", trapela da ambienti M5S, che avvisano i naviganti di un nuovo incontro in programma già nelle prossime settimane, ma stavolta a Roma, in casa di Di Maio e Dibba. Non andiamo troppo in fretta. "È a quel punto che potremo incontrare Di Maio e perchè no, anche esponenti di altri Paesi". Mentre Levavasseur si è detta pronta al dialogo col Movimento 5 Stelle, ma al momento opportuno, "quando avremo strutturato la nostra lista alle europee". Intervistata dall'Ansa, l'infermiera trentunenne si è detta "sbalordita" per un'iniziativa "di cui sono stata avvertita solo all'ultimo, organizzata alle mie spalle" dal sedicente "portavoce" del Ric Christophe Chalencon.

Tra i presenti all'incontro anche gli eurodeputati grillini Fabio Massimo Castaldo, Tiziana Beghin e Ignazio Corrao.

Sanremo 2019, l’abbraccio dietro le quinte tra Loredana Bertè e Serena Rossi
"Perché, cara Mimì , se sul palco dell'Ariston dopo trent'anni da Almeno Tu Nell'Universo , abbiamo parlato di te significa che alla fine hai vinto tu".

The Times, Padre Paolo Dall'Oglio sarebbe vivo, in mano all'Isis
Padre Paolo Dall'Oglio vene rapito dai miliziani islamisti proprio mentre negoziava il rilascio di alcuni manifestanti. La straordinaria rivelazione arriva da fonti curde raccolte dal quotidiano britannico Times .

Domenica Live: Barbara D'Urso in Procura per il canna-gate
L'ex porno diva ha cominciato così a infervorare il gossip tornando a raccontare la sua verità nei salotti di Barbara D'Urso . Il famoso Canna-Gate de L'Isola dei Famosi , nonostante sia trascorso un anno dal fattaccio, continua a far discutere.

Il ministero degli esteri francese ha criticato oggi l'incontro tra il vicepremier Luigi Di Maio e i leader del movimento antigovernativo dei gilet gialli, accusandolo di voler minare i rapporti tra Roma e Parigi.

Marra ribadisce la sua linea sostenendo che è ancora presto per presentarsi alle elezioni europee. Se Di Maio mi chiama non alzo nemmeno il telefono. Il 3 dicembre, ai microfoni della radio "Europe 1" aveva chiesto le dimissioni dell'esecutivo aggiungendo: "io vedrei bene il generale de Villiers (licenziato da Macron nel 2017, dopo aver contestato il presidente francese, ndr) a capo del governo". "Molte - si sottolinea - le posizioni e i valori comuni che mettono al centro delle battaglie i cittadini, i diritti sociali, la democrazia diretta e l'ambiente". Quanto a Di Maio, ha proseguito la capolista, "non dico che non dobbiamo incontrarlo". Ripeto. Il vento del cambiamento ha valicato le Alpi.

Condividere