Spotify inizia a bloccare le versioni craccate con Adblock

Share

Dopo il giro di vite alle app crackate - che ha causato la sospensione e la cancellazione di tantissimi account che utilizzavano software modificati - si ritorna a parlare di Spotify e degli utenti che provano ad aggirare le restrizioni imposte dalla versione Free. Ovviamente, nei casi più gravi si procederà con il ban permanente del profilo dell'utente incriminato.

Le misure adottate dalla compagnia per bloccare e punire questi fenomeni saranno più esemplari: Spotify, infatti, ha predisposto che a partire dal 1 marzo 2019 saranno bannati tutti gli account pizzicati nella pratica di blocco delle pubblicità.

Spotify ha recentemente aggiornato i Termini del contratto di servizio, dove ora viene fatto esplicito divieto di utilizzare strumenti in grado di "eludere o bloccare gli annunci nel servizio Spotify, o la creazione o la distribuzione di strumenti progettati per bloccare pubblicità nel servizio Spotify".

Unisciti al nostro Canale Telegram e collegati al Gruppo Facebook di InfoDrones per non perdere mai una notizia!

Sanremo, molte cover di artisti Soundreef per Rolls Royce di Achille Lauro
Un'ipotesi davvero ardita , che ha comunque preso a girare all'impazzata nel web (un po' come ieri l'accusa di plagio ). Ad evidenziare la similitudine di Rolls Royce con Delicata sarebbe stato anche un software utilizzato per la perizia .

Sanremo 2019. Le pagelle (in anteprima) dei cantanti in gara
E chissà che questo nuovo incrocio in terra ligure con Fabio Clemente e i Boomdabash - dopo l'incisione di Gente del sud - non si riveli altrettanto fortunata.

Un reboot di Lost? Per la ABC sarebbe interessante da vedere
Acclamata da molti come la miglior serie televisiva di sempre, ha ricevuto diversi premi tra cui tra cui un Golden Globe (2006) e tre Emmy Award (2005, 2007, 2009).

Spotify è senza dubbio la piattaforma streaming musicale e a dimostrarlo sono i risultati pubblicati apertamente e in riferimento al periodo Q4 2018.

Tramite alcuni sistemi di controllo l'app rileva se vengono utilizzati strumenti di ad-blocking, e per contrastarli disattiva temporaneamente gli account fino a quando l'utente non rimuove i software incriminati.

Per quanto riguarda gli interessati, avranno tempo fino al 2 marzo, data in cui la regola entrerà in vigore, per conformarsi alla nuova politica di utilizzo di Spotify.

Share