Verhofstadt, Conte burattino di M5S-Lega - Ultima Ora

Share

Il secondo punto dell'agenda di Conte riguarda la gestione dei flussi migratori: l'Europa non può continuare ad affrontarli "in una prospettiva emergenziale, bensì deve affidarsi a un approccio strutturale in modo da pervenire a soluzioni stabili ed efficaci", ha detto il premier invitando le istituzioni comunitarie "alla piena attuazione delle Conclusioni del Consiglio Europeo del 28 giugno 2018" sulla redistribuzione dei migranti.

Poi l'affondo. "Presidente, mi domando per quanto tempo ancora lei sarà il burattino mosso da Di Maio e Salvini". Nel discorso tenuto dinanzi alla plenaria dell'Europarlamento di Strasburgo Giuseppe Conte ha affrontato tutti i dossier che in sede comunitaria risultano di primario interesse per l'Italia. "Forse i burattini sono quelli che rispondono a lobby, gruppi di potere e comitati di affare", ha aggiunto il premier, con riferimento alle critiche di Guy Verhofstadt.

"Non basta saper parlare in italiano per essere amici del popolo italiano. Questo bellissimo paese è diventato da fondatore dell'Europa a fanalino di coda dell'Unione". "Se vogliamo che l'Europa rimanga il nostro futuro comune, è il momento di far seguire alle parole i fatti, avviando insieme un percorso per una nuova Europa, un'Europa del popolo, più solidale, più inclusiva, più equa, in definitiva più democratica".

"Che alcuni burocrati europei, complici del disastro di questi anni, si permettano di insultar eil presidente del Consiglio, il Governo e il popolo italiano è davvero vergognoso", tuona il vicepremier Salvini, aggiungendo: "Le élite europee contro le scelte dei popoli".

Arisa non sta bene rimane senza voce alla finale di Sanremo
Arisa sale sul palco del Festival di Sanremo 2019 e scoppia a piangere alla fine dell'esibizione di " Mi sento bene ". Un titolo che non ha portato molta fortuna alla cantante, visto che stasera si esibisce con la febbre.

Protesta gilet gialli, Chalençon: "Dialogo proficuo con l’Italia"
Altre manifestazioni a Nizza , previste iniziative anche a Bordeaux , Tolosa, Lorient , Caen, Valence, Marsiglia e altre città. Un manifestante 30enne è rimasto gravemente ferito e ha perso la mano in circostanze ancora da chiarire.

Sanremo 2019: i migliori tweet e meme della seconda serata del Festival
Per questo motivo, dopo la loro esibizione l'esibizione, non è riuscita a trattenere le lacrime . Dopo la prima esibizione, Alessandra ringrazia Claudio Baglioni: "Dieci anni insieme".

Quanto alle parole di Conte sui migranti, Verhofstadt ha aggiunto che "Salvini si è specializzato nel bloccare porti ai migranti ma blocca anche una riforma europea di Dublino e di una politica dei confini europea. Preparate gli scatoloni, il 26 maggio i cittadini finalmente manderanno a casa questa gente". L'intervento al Parlamento europeo di Guy Verhofstadt è stato offensivo e privo di contenuti.

Nelle scorse settimane hanno fatto notizia i fuorionda carpiti dal programma tv PiazzaPulita, nei quali Conte, parlando con la cancelliera tedesca Angela Merkel, rivelava le preoccupazioni interne al M5S per l'avanzata della Lega. Tra gli interventi diversi sono quelli di esponenti italiani, del Pse, del Ppe o del Gue.

Il popolare Manfred Weber, candidato alla successione di Juncker alla presidenza della Commissione Ue, si è soffermato sui temi economici: "La mancanza della crescita in Italia - ha detto - è una vostra responsabilità, del governo italiano". Più nel dettaglio, si sospetta che il presidente del Consiglio (che si è anche definito "presidente della Repubblica") possa decidere di guidare un movimento riformista capace di ottenere anche il sostegno di deputati e senatori M5S che in questi primi undici mesi di legislatura si sono lamentati dello strapotere interno dei big eletti già nel 2013. Un intervento che si è trasformato in un processo al premier a causa della veemente replica, condita da attacchi personali, di alcuni membri dell'assemblea. Poi, nella seconda, decide di passare alla controffensiva. In Aula si scatena il vociare dei presenti, con Alessandra Mussolini che, dai banchi dell'emiciclo, prova a farsi sentire benché sprovvista di microfono.

Share