Nanga Parbat: alpinisti scomparsi. Fidanzata Ballard, "non c'e' piu' speranza"

Share

Nanga Parbat: alpinisti scomparsi. E fa dire alla fidanzata italiana dell'alpinista inglese che "non c'è più speranza".

La fidanzata di Tom Ballard, l'alpinista britannico disperso da una settimana sul Nanga Parbat assieme all'italiano Daniele Nardi, si e' arresa al tragico epilogo. "Si annoiava al campo base. Era calmo, stava bene, era contento di andare e con Nardi vedevano come andava giorno per giorno", ha raccontato, facendo capire che l'impresa era tutt'altro che facile. Aveva perso peso a causa dell'altitudine. "Se non sono stati gia' consumati dalla montagna, quei ragazzi potrebbero sopravvivere lassu' per 10 giorni, anche per 14. Dobbiamo rimanere saldi e sperare", ha dichiarato in una nota diffusa dall'amico di famiglia, Chris Terrill.

L'alpinista Daniele Nardi è scomparso insieme a Tom Ballard e sono attimi di terrore, senza che nessuno sappia cosa sia successo.

Le operazioni di ricerca di Daniele e Tom sono attualmente in corso.

Malattie rare, in Puglia quasi 20.000 persone
Dalla sua attivazione, nel luglio 2012, sono state seguite 4.859 pratiche, di cui 1.265 pratiche nell'ultimo anno. Gli specialisti, con video clip, illustrano caratteristiche, sintomi e come si arriva alla diagnosi.

Borse europee chiudono in positivo (tranne Londra). In calo lo spread
Trump aveva parlato di "progressi significativi", mostrandosi ottimista sulla possibilità di raggiungere un'intesa con la Cina. Sul mercato di Chicago, deciso rialzo del petrolio (+1,84%), che raggiunge 56,52 dollari per barile.

Fincantieri, ricavi in crescita del 9 per cento
I risultati, ha detto, "testimoniano ancora una volta che la nostra è un'azienda leader, vero riferimento nel panorama cantieristico mondale".

Per effettuare le ricerche, ha reso noto l'ambasciatore italiano in Pakistan Stefano Pontecorvo, verranno impiegati anche alcuni speciali droni in grado di volare in alta quota. I velivoli hanno effettuato il volo in assetto di massima allerta essendo la zona del K2 lungo il confine con l'India. I piloti hanno volato radenti le morene del Baltoro, fino a raggiungere il campo base e caricare Alex Txikon con il suo gruppo e attrezzatura per poi rientrare immediatamente nell'area di sicurezza fuori dal ghiacciaio.

Ora è questa l'unica possibilità di avvicinare l'inaccessibile sperone Mummery, bersagliato dalle valanghe e dal ghiaccio dei seracchi sovrastanti, di cui Nardi e Ballard stavano tentando la prima salita assoluta.

Stamattina, come detto, è cominciato un nuovo tentativo - andato a buon fine - per portare in elicottero gli alpinisti che dovranno cercare coi droni Nardi e Ballard al campo base del Nanga Parbat. "Qui i cuochi, l'ufficiale di collegamento e Ali Sadpara, con gli altri due alpinisti pakistani, hanno predisposto le piazzole di atterraggio".

Share