Juve, Allegri: "Se andiamo fuori contro l’Atletico non è fallimento"

Condividere

"Ma sono cose che non sta a me giudicare, ognuno si comporta per come è", aveva commentato Allegri l'esultanza dell'allenatore rivale.

La testa però è inevitabilmente alla Champions e l'infortunio di Barzagli, dopo quello di De Sciglio, limita le scelte del tecnico: "Ho un solo terzino a disposizione".

Lazio-Roma, Di Francesco: "Zaniolo e Manolas recuperabili per il Porto"
A Trigoria , in queste lunghissime e pesanti ore, si sta cercando di ripianificare per l'ennesima volta il prossimo futuro. Per quello Marcano ha avuto questa nuova chance e credo che abbia risposto bene nella gara di Frosinone .

Istat, confermata recessione tecnica ma calo Pil meno forte nel quarto trimestre
Le ore lavorate hanno registrato una riduzione dello 0,3% congiunturale. L'Istat conferma che l'Italia è entrata in recessione tecnica.

È morto Keith Flint, cantante dei Prodigy
Keith Flint , voce e carismatico frontman dei Prodigy , è stato trovato morto questa mattina (lunedì 4 marzo) nella sua casa nell'Essex , in Inghilterra .

Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, ha parlato ai microfoni Sky. Negli ultimi 10 minuti esordio nella Juve per il diciottenne valdostano Hans Nicolussi Caviglia, che in questa stagione ha giocato 5 partite in serie C con l'under 23 della Juventus. Un match da non sottovalutare per i bianconeri: di fronte c'è la squadra di Nicola, reduce dalla vittoria interna per 2-1 contro il Bologna, un successo targato De Paul-Pussetto. Bisogna migliorare singolarmente nei controlli e nel giocare più in verticale.

Protagonista assoluto della serata è stato il baby Moise Kean, sul quale circolano in questi giorni voci di divorzio dalla Juve, anche se fin qui Allegri lo ha sempre bloccato. Kean in copertina: "Ha fatto bene a rimanere qui". Tutti correvano verso la porta e così chi ha palla ha soluzioni. Se usciremo - prosegue l'allenatore della Vecchia Signora - ci proveremo l'anno prossimo, come fece il Bayern. "C'è un ottimo rapporto tra Allegri e Agnelli". Stiamo facendo un buon lavoro, Champions? "Cerchiamo di celebrare due o tre trofei". Giocare la Champions deve essere una gioia, un divertimento, non un'ossessione. La Juve è cresciuta in autostima e fiducia, ma se sbagli mezza partita non hai tempo per recuperare a differenza del campionato. "Indipendentemente da martedì - conclude -, il mio rapporto con la Juventus rimane intatto". Nei prossimi mesi si saprà con certezza il futuro dell'allenatore livornese, pronto a cambiare aria dopo tanti successi sulla panchina della Juventus.

Condividere