Atp Finals: Giorgetti firma il decreto a sostegno della candidatura di Torino

Condividere

Nella notte più lunga del governo gialloverde nemmeno sul decreto per la presidenza del consiglio per fornire le garanzie economiche per le Atp Finals a Torino si arriva a una parola definitiva.

E' attesa per questa sera la decisione dell'Atp sulla sede che ospiterà, per il prossimo quinquennio (2021-2025), l'importante evento, ma solo nei prossimi giorni verrà comunicata alla stampa. Intanto chi lavorava a pancia in giù era proprio il Carroccio con il capogruppo alla Camera Riccardo Molinari che ha presentato il decreto legge per la fidejussione di 75 milioni. È una notizia straordinaria per Torino e per tutto il Paese perché adesso possiamo giocarcela fino alla fine. Di una cosa potete essere certi: "questa non è la partita di una persona ma di un'intera squadra e noi continueremo a lottare ogni minuto che ci separa da quel momento per portare a casa il risultato, con lo stesso coraggio, con la stessa determinazione e la stessa tenacia che ci hanno portato sin qui". Giovanni Tria, ministro dell'Economia, ha infatti firmato il decreto della presidenza del Consiglio dei Ministri per il finanziamento alla candidatura e la Federtennis lo ha inviato via mail all'ATP, i sette membri del board sono riuniti a Indian Wells e nelle prossime ore decideranno sul da farsi. "Il nostro impegno nasce dalla consapevolezza che si tratta di un investimento sostenibile e di un'occasione di sviluppo che non possiamo negare a Torino, al suo hinterland, all'Italia e agli amanti del tennis".

Juve, Allegri: "Se andiamo fuori contro l’Atletico non è fallimento"
Stiamo facendo un buon lavoro, Champions? "Cerchiamo di celebrare due o tre trofei". Giocare la Champions deve essere una gioia, un divertimento, non un'ossessione.

Giovedì nuova perturbazione, ma sarà più colpito il nord
Venti: In pianura venti deboli o moderati da est, in quota venti moderati da sud/sud-ovest in intensificazione in serata. Nel mattino avremo cieli da grigi a poco nuvolosi in ogni settore, con possibili nebbie sparse anche localmente dense.

Istat, confermata recessione tecnica ma calo Pil meno forte nel quarto trimestre
Le ore lavorate hanno registrato una riduzione dello 0,3% congiunturale. L'Istat conferma che l'Italia è entrata in recessione tecnica.

Torino formalmente c'è ancora, ma a differenza delle altre 4 città (Londra, Tokio, Singapore e Manchester) tra le carte inviate dalla Fit manca l'impegno formale del governo a versare, in caso di assegnazione a Torino, una fidejussione da 78 milioni di euro. I fondi necessari per correre verso gli Atp di tennis, come promesso, sono stati trovati dai parlamentari leghisti.

Condividere