Westminster boccia ancora la May. Caos totale sulla Brexit

Share

Da parte italiana, in linea con le Comunicazioni della Commissione europea del 13 novembre 2018 e del 19 dicembre 2018 sulle misure preparatorie e di emergenza alla Brexit, sono in preparazione misure legislative per un sostanziale mantenimento del quadro giuridico esistente per garantire che i cittadini britannici residenti al 29 marzo 2019 in Italia avranno riconosciuti i requisiti e il tempo necessario per chiedere e ottenere lo status di soggiornante di lungo periodo disciplinato dalla Direttiva 2003/109/CE. "Se la Camera dei comuni troverà un modo nei prossimi giorni per sostenere un accordo, permetterà al governo di cercare un'estensione breve, tecnica, limitata dell'articolo 50 - ha affermato la May, ancora senza voce, in una breve dichiarazione - per dare il tempo di approvare la legislazione necessaria e ratificare l'accordo che abbiamo raggiunto con l'Ue".

Il si alla mozione emendata che esclude l'uscita senza accordo è stata una parziale sorpresa.

Se venisse bocciata la cosiddetta "hard Brexit" la Camera può scegliere se chiedere un rinvio dell'uscita dalla Ue per un massimo di tre mesi, che andrebbe utilizzato per avviare e chiudere una nuova trattativa con Bruxelles.

Isola dei famosi: Ghezzal si è ritirato
La direzione del reality condotto da Alessia Marcuzzi lo ha reso noto tramite post sui canali social del programma. Un vero e proprio colpo di scena per l'Isola dei Famosi 2019: adesso, sono tutti al televoto .

Auto incendiata, bombe carta e petardi: notte folle a Foggia
La tensione tra i tifosi è cresciuta molto dopo la sconfittacontro il Lecce che ha portato la squadra in piena zona retrocessione. Tre attentati intimidatori sono stati compiuti la scorsa notte ai danni di calciatori e dirigenti del Foggia Calcio.

Tragedia in volo, schianto dell'aereo Ethiopian Arlines con 157 persone a bordo
Secondo quanto riporta il sito web Bergamonews.it tra le vittime ci sarebbero anche bergamaschi. La notizia arriva, stando a fonti Ansa, direttamente dal governo del Kenya .

Secondo Charles St Arnaud, Senior Investment Strategist di Lombard Odier IM, il fatto che il parlamento abbia bocciato l'accordo con l'Unione Europea per la Brexit promosso dalla premier Theresa May rappresenta una sconfitta schiacciante per il piano del Primo Ministro. A pesare sono state anche le dichiarazioni dell'Attorney General che ieri ha espresso le sue perplessità sull'intesa. Ma il suo governo potrebbe comunque cadere e la stessa May potrebbe decidere di dimettersi autonomamente.

Dopo essere scesa anche sotto la soglia di $1,31, rispetto al valore superiore a $1,32 attorno a cui aveva oscillato ieri, la sterlina è tornata a salire, a dispetto della bocciatura della proposta sulla Brexit che May ha ripresentato ieri alla Camera dei Comuni, con le 'garanzie vincolanti' che ha ottenuto dall'Ue l'altro ieri. Inoltre "è probabile che si apprezzi nel medio termine". Con l'inevitabile partecipazione britannica alle elezioni europee di maggio. Lo ha dichiarato un portavoce del presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, commentando la sonora sconfitta della premier britannica, Theresa May, a Westminster, la seconda dopo quella del 15 gennaio.

"La vittoria dei conservatori alle elezioni potrebbe riportare il Regno Unito alla situazione attuale, ovvero quella di un paese incapace di decidere quali siano i rapporti migliori (da stringere), e persino di ripristinare potenzialmente l'opzione "no deal" per la Brexit". Tuttavia, ciò potrebbe andare a scapito di una maggiore incertezza sulle politiche economiche nazionali. Ma affinché si concretizzi questa ipotesi c'è bisogno anche dell'ok dei leader europei. Questa sarebbe una strategia ad alto rischio, dal momento che uno scenario senza accordi non è un gioco a somma zero.

Share