Brexit, bocciato il secondo referendum. Si va verso il rinvio VIDEO

Share

Probabile che in ogni caso si vada a nuove elezioni nei prossimi mesi. Trump ha quindi sottolineato come gli Stati Uniti vogliono rimanere fuori dai negoziati sull'uscita del Regno Unito dall'Unione europea, ma ha affermato di ritenere come un altro voto sulla Brexit "sarebbe impossibile perchè ingiusto".

Milano. Un'altra giornata di passione per la Brexit con i mercati europei positivi in apertura dopo che ieri sera il Parlamento inglese ha detto no alla possibilità di un'uscita senza accordo della Gran Bretagna dall'Unione europea, eventualità che gli investitori vedono come il fumo negli occhi per il caos che potrebbe generare.

In base alla mozione, se questo accordo sarà finalmente approvato, allora Londra chiederà a Bruxelles una proroga dell'articolo 50 fino al 30 di giugno.

L'emendamento che proponeva di indire un secondo referendum sulla Brexit è stato bocciato dalla stragrande maggioranza dei parlamentari britannici (con una maggioranza schiacciante di 249 voti). Una delegazione del Dup, guidata dal capogruppo a Westminster, il signornò Nigel Dodds, ha incontrato nelle ultime ore un drappello di ministri fra cui il cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, titolare non a caso del Tesoro e della cassa.

Ue: "Non basta dire no al no deal" - La Commissione europea, infatti, si è rivolta ai parlamentari britannici dei Comuni, dichiarando che "non basta votare contro il no deal, dovete trovare un'intesa per un accordo". Sarebbe una proroga limitata e dovrebbe avere comunque il via libera della Ue, l'unanimità di tutti i 27 paesi.

Messi: "La Juventus mi ha impressionato, pensavo che l’Atletico fosse più forte…"
Anche Leo Messi non si è potuto esimere dal lodare la prestazione incredibile di Cristiano Ronaldo contro l'Atletico Madrid . Il fuoriclasse portoghese fa una tripletta, elimina i Colchoneros e a fine partita esulta come il Cholo nella gara d'andata.

Juve-Atletico, tifoso campano 40enne muore d'Infarto dopo la vittoria
Perchè i corsi e i ricorsi non bastano, se non c'è la volontà di superare se stessi e di trovare il carattere per farlo. Se è la mia peggiore gara sulla panchina dell'Atletico? Nel calcio partite come questa succedono.

Italiana di 26 anni uccisa a Manchester
Suo fratello l'ha salutata con un post su Instagram: "Repose en paix, petite soeur": riposa in pace, sorellina. Un mese fa aveva festeggiato il compleanno.

Il primo, presentato da un fronte trasversale pro Remain, chiedeva che il rinvio fosse collegato alla convocazione di un secondo referendum sulla Brexit. C'è da aggiungere che nessuno vuole la responsabilità di un addio senza accordi commerciali e per lo spostamento e i diritti delle persone.

Theresa May preme decisamente per il cosiddetto "short delay".

La votazione del 14 marzo è quella sulla richiesta o meno di un rinvio della Brexit oltre la scadenza originaria del 29 marzo 2019. Lo sostiene l'ex premier Tony Blair, ma questo piano non ha una maggioranza in Parlamento. "Nelle mie consultazioni in vista del Consiglio europeo, farò appello ai 27 per aprire a una estensione lunga se il Regno Unito trova necessario ripensare la sua strategia sulla Brexit e costruirvi intorno consenso", aveva twittato in mattinata il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk.

May è all'angolo con la Brexit che nei mesi ha assunto sempre di più i contorni di quello che ormai appare a tutti evidente, sta diventando un massacro politico senza precedenti con il Parlamento a fare da tragico palco di un Paese che arranca e brancola pericolosamente nel buio, senza più alcuna certezza sul futuro. I conservatori potrebbero essere guidati da un euroscettico come Boris Johnson.

Share