Cagliari Fiorentina, tifoso muore d'infarto allo stadio nei minuti finali della partita

Share

"La Fiorentina e' vicina ai famigliari e a tutti i tifosi cagliaritani per la tragica scomparsa di Daniele Atzori, avvenuta ieri al termine della partita contro il Cagliari".

Della partita di ieri tra Cagliari e Fiorentina rimangono cordoglio e polemiche per la morte sugli spalti di un tifoso rossoblù, Daniele Atzori, di 44 anni, a causa di un improvviso malore. Un attacco cardiaco, a quanto si apprende, che gli è stato fatale. La tragedia non è passata inosservata e ha lasciato spazio ad un fatto ancora più raccapricciante: alcuni supporters viola hanno intonato 'devi morire, devi morire', cori semplicemente incommentabili. Sul posto la Polizia e i Carabinieri.

Juve-Atletico, tifoso campano 40enne muore d'Infarto dopo la vittoria
Perchè i corsi e i ricorsi non bastano, se non c'è la volontà di superare se stessi e di trovare il carattere per farlo. Se è la mia peggiore gara sulla panchina dell'Atletico? Nel calcio partite come questa succedono.

Westminster boccia ancora la May. Caos totale sulla Brexit
Questa sarebbe una strategia ad alto rischio, dal momento che uno scenario senza accordi non è un gioco a somma zero. A pesare sono state anche le dichiarazioni dell'Attorney General che ieri ha espresso le sue perplessità sull'intesa.

Quella torta a forma di ponte Morandi così difficile da mandare giù
La torta ce la siamo trovata davanti, il profilo di quel ponte vuole essere solo un segno di rinascita". A sette mesi dalla tragedia la politica ha dimenticato la sensibilità.

"In quei momenti concitati, secondo le ricostruzioni dei presenti emerse oggi sul web - spiega il Codacons - i tifosi della Fiorentina presenti allo stadio avrebbero iniziato a urlare 'Devi morirè e altre frasi ingiuriose nei confronti dell'uomo colpito da malore, che purtroppo è deceduto subito dopo".

"Era iniziato tutto bene, con i cori per Astori", racconta. Un lungo massaggio cardiaco e l'utilizzo del defibrillatore non hanno permesso di salvare la vita del tifoso del Cagliari, poi ricoperto con un telo bianco nel piazzale della Curva. Me ne sarei andato via volentieri, poi la tragedia. "Il calcio - si legge in una nota - non può permettersi di diventare veicolo di messaggi di odio e violenza, e le istituzioni sportive, di fronte a questo grave episodio, non possono rimanere inermi, perché si renderebbero complici e istigatrici delle tifoserie violente".

Share