Rifiutato in TV feri' rivale, condannato

Share

La puntata registrata negli studi di Mediaset in cui Emanule Colurcio era stato rifiutato sarebbe dovuta andare in onda il 23 gennaio 2016, ma dopo l'accoltellamento nelle strade di Napoli la rete aveva deciso di tagliare il suo video dalla messa in onda di C'è posta per te.

Dopo che la ex si era rifiutata di perdonarlo a "C'è posta per te", ha accoltellato il suo rivale in amore. Una condanna che stona forse con quelle che erano le intenzioni del ragazzo: non solo fare del male al nuovo fidanzato della sua ex ma anche colpire lei. L'innamorato respinto aggredì il nuovo innamorato della donna nella zona dei Baretti di Chiaia, a Napoli.

Rogo del paddock di Jerez, distrutte le MotoE e campionato a rischio
Cancellate le sessioni in programma per giovedì e venerdì, a rischio lo stesso inizio del campionato. Il calendario, tuttavia, sarà rivisto.

UFFICIALE: Empoli, esonerato Iachini. Via anche i suoi collaboratori
A prendere il posto di Iachini , infatti, sarà con ogni probabilità Aurelio Andreazzoli . Andreazzoli subito in campo per il primo allenamento.

Brexit, negoziato difficile con Bruxelles. Nessun accordo su backstop
May visiterà oggi i lavoratori a Grimsby , nel Lincolnshire , ad alcuni giorni dal voto alla Camera dei Comuni sull'accordo di ritiro che ha negoziato con l'Ue.

Un faccia a faccia che finì nel sangue con Domenico Di Matteo, originario di San Giorgio a Cremano, che fu ferito all'addome con un'arma da taglio. Ora, come scrive l'Ansa, la IV sezione della Corte di Appello di Napoli ha messo la parola fine a questa vicenda condannando Colurcio a otto anni e due mesi di reclusione. In aula sono state presentate anche delle intercettazioni, che sembravano dimostrare le intenzioni del giovane di aggredire anche la sua ex. I giudici hanno ritenuto che non fosse necessario procedere in questo senso e hanno optato per una pena di 8 anni per il reato di tentato omicidio premeditato. I capi di imputazione a carico di Colurcio sono: tentato omicidio premeditato, porto illegale del coltello e atti persecutori alla sua ex. Aggravati dai motivi futili e abietti.

Share