Le Pen e Orban, i grandi assenti al vertice sovranista di Salvini

Share

Lo ha riferito il giornale ungherese "Népszava", secondo cui il partito del leader ungherese Fidesz non vorrebbe la rottura con il Partito popolare europeo, da cui spera di non essere espulso. Due assenze eccellenti all'incontro fra i partiti sovranisti convocato dal leader della Lega Matteo Salvini e previsto a Milano per lunedì 8 aprile. Ma a sette settimane dal voto europeo, inevitabilmente il clima è di battaglia elettorale.

Parole che hanno provocato la replica di Meloni: "Matteo Salvini un paio di mesi fa è venuto a trovare Kaczyński chiedendo di fare un gruppo unitario".

"Stiamo parlando di gruppi parlamentari - ha aggiunto il grillino - che sono usciti dal Parlamento, quando si commemorava la strage dell'Olocausto e quello che hanno fatto nei campi di concentramento, quindi quando vedo queste cose mi preoccupo". Non è ancora invece chiaro se ci sarà un'esponente del Front National mentre è certo che non parteciperà Marine Le Pen.

Serie B, Brescia-Venezia 2-0: Torregrossa e Tonali condannano Cosmi al primo ko
A 20 minuti dal termine si fa rivedere il Venezia , su corner, ma a colpire è Torregrossa , che sfiora l'autorete. Una rete per tempo con Torregrossa che insacca nella prima frazione e Tonali che raddoppia nella seconda.

Una giornata mondiale di eventi per testimoniare l’autismo
Il 7 aprile, dopo la celebrazione della Santa Messa in Chiesa Madre, si terrà una marcia che partirà da Piazza Rodio fino ad arrivare in Piazza Aldo Moro.

Esordio al top di Mick Schumacher sulla Ferrari
Lo stesso Mick, nel secondo giorno di test, mercoledì 3 aprile, disputerà la sessione di prove con l'Alfa Romeo. L'aspetto che mi ha impressionato maggiormente sono i freni, potentissimi.

"Oltre a Salvini, che, in questo caso, rappresenta tutto il gruppo e i nostri storici alleati di Enf, ci sara' Jorg Meuthen portavoce federale per l'Alternativa per la Germania (AfD), oltre a rappresentanti del Danish people party e del Finns party: questi sono gli inviti che sono stati mandati", precisa Zanni, "e il messaggio sara': rafforzare dialogo con chi oggi ufficialmente non e' nel gruppo".

Contemporaneamente prosegue il dibattito sulle future alleanze a Bruxelles, in particolare all'interno del Ppe. "Lunedì abbiamo una riunione scelta a quattro, con quattro movimenti di quattro famiglie politiche diverse, e a maggio illustreremo la nostra Europa" ha detto Salvini. Dopo l'8, terminato l'evento dell'Hotel Gallia di Milano, arriveranno tutte le adesioni al manifesto sovranista -a prima firma leghista - che vedrà il sostegno proprio di Marine Le Pen, e poi, a seguire, degli altri partiti europei di destra. Giorni fa, anche Silvio Berlusconi, da sempre amico di Viktor Orban, ha mosso un passo verso l'alleanza con i sovranisti, osteggiata da molti tra i popolari.

Share