A Torre Maura sfilano antifascisti e Casapound

Share

Ad agosto 2018, quando è arrivato un pullman con a bordo migranti sbarcati in Sicilia (quelli rimasti bloccati per giorni sulla nave Diciotti) i militanti di Casapound si sono fatti trovare in strada con striscioni e slogan pieni di livore per "aizzare" anche una parte dei residenti.

Il Comune vuole concludere lo svuotamento entro sera, prospettando però solo lo smembramento delle famiglie, ossia ospitalità temporanea di madri e minori, mentre padri e figli maggiorenni sono in strada. I circa sessanta nomadi sono stati tutti spostati in altre strutture del circuito di accoglienza di Roma e gli abitanti di Torre Maura hanno commentato davanti alla struttura, ora vuota: "È la nostra vittoria". Simone Sapienza, segretario di Radicali Roma, presente a Torre Maura ha detto: "Manifestiamo perché tutti abbiano la possibilità di vivere una vita dignitosa - e ha definito necessaria - una riforma totale dell'accoglienza e un piano preciso di superamento dei campi etnici e delle baraccopoli a Roma". I vicini di casa si trovano sotto il portone per una chiacchierata, le nonne vanno a prendere i nipoti a scuola, le pensionate piantano fiori nel giardino condominiale. "Nessuno va lasciato indietro", ha detto senza timore il quindicenne. Parole queste che hanno ricevuto i complimenti del sindaco Virginia Raggi che ha definito gli estremisti di Casapound e Forza nuova "bestie" e ha scritto su twitter: "Ecco i veri cittadini di #TorreMaura". "Ricordiamo che finché c'erano i campi rom che erano dei ghetti, loro stavano bene e stavano zitti". "I rom dovrebbero smetterla di rispondere di pancia alle provocazioni di chi è intollerante". Hanno paura di uscire.

Inter, Icardi all’esame San Siro. Per Maurito c’è l’ultima divisione da sanare
Non per dare più importanza del dovuto ad una figura con la quale da tempo avevamo scritto la parola fine. Durante le partite continueremo ad esprimerlo con i metodi ed i modi che riterremo più opportuni.

Messico, italiano ucciso in un ristorante a Città del Messico
Le autorita' non escludono che il movente dell'omicidio sia una "vendetta per una truffa": Stefano vendeva dei macchinari cinesi, spacciandoli per tedeschi.

Amazon resta a Bezos dopo divorzio
Complessivamente le azioni di Jeff e MacKenzie in Amazon valgono 143 miliardi di dollari , record mondiale. Cifre che rendono questo il divorzio più costoso della storia.

"Aveva ragione lei -afferma Bechis-, e l'orrore che è venuto fuori con le intercettazioni dell'inchiesta romana ancora di più fa capire il peso delle decisioni prese dalla sindaca della capitale". "Non hanno l'acqua, non hanno i servizi igienici. Quel che deve rimanere è il suo messaggio". "Ma anzitutto non ce la fa più di promesse non mantenute e di amministratori che, sulla questione rom altro non fanno che ripetere gli stessi errori del passato". "Vivere così spegne ogni possibile ambizione e nutre un atteggiamento rinunciatario". E cos'è il centro di via Codirossoni dove i rom sarebbero dovuti essere accolti? "Le famiglie, poi, andavano spalmate sul territorio e non concentrate in un centro, che diventa ghetto". Esistono patti sociali fra la gente, che non devono essere necessariamente mediati dalle istituzioni.

Share