Fmi taglia le stime di crescita italiana: nel 2019 pil a +0,1%

Condividere

Due partite queste che restano ancora tutte da giocare e che, al momento, sono solo un'ombra di incertezza sull'economia globale.

Su tutto aleggiano poi le tensioni commerciali, che hanno depresso i mercati finanziari e chiamato la Fed a un nuovo atteggiamento accomodante: motivo fondamentale che ha consentito il recupero azionario nel primo trimestre del 2019.

La fede e gli errori di Fabrizio Moro in "Figli di nessuno"
E' un disco incazzato perche' c'e' l'anima del marciapiede che mi porto sempre dietro, anche a 44 anni. E io mi sento esattamente figlio di nessuno: non appartengo a niente, per questo mi sento libero .

Walter Nudo sta male, ricoverato in ospedale
Vediamo quindi quelle che sono le ultime notizie sulle condizioni di salute di Walter Nudo . Spero che tu possa rimetterti quanto prima e questo ti aiuti a capire una serie di cose.

Il bisnipote di Mussolini sospeso da Facebook
Giorgia Meloni avvia la campagna elettorale per le elezioni europee dal collegio in cui lo scorso anno è stata rieletta deputata. Sto valutando con i miei avvocati se iniziare un'azione legale", conclude Caio Giulio Cesare Mussolini .

Tuttavia, il FMI avverte che i rischi sono inclinati verso il basso, con una serie di minacce minacciose per l'economia globale, incluso il possibile collasso dei negoziati tra Stati Uniti e Cina per porre fine alla loro guerra commerciale e la partenza della Gran Bretagna dall'Unione Europea senza un accordo di transizione, noto come lo scenario "no-deal" Brexit.

L'economia mondiale rallenta: il Fondo monetario internazionale, stima una crescita del 3,3% quest'anno, ovvero 0,2 punti percentuali in meno rispetto alle stime di gennaio e 0,4 punti percentuali in meno sull'ottobre 2018. Ma le ultime notizie lasciano pensare al peggio. Cosa potrebbe scatenare una fuga dagli asset più rischiosi? Una progressione da brividi ma inevitabile considerando il livello del deficit, atteso nel 2019 al 2,7% e nel 2020 al 3,4%. Segue l'Italia, menzionata dal Fondo tra le incognite principali: "Una prolungata incertezza di bilancio e elevati spread in Italia, soprattutto se associati a una più profonda recessione, potrebbero avere ricadute negative sulle altre economie dell'area euro". Il pil nel 2018 è cresciuto dello +0,9%, in base ai dati diffusi dell'Istat che ha rivisto al rialzo la crescita del 2017 a +1,7%. Ad affermarlo è il capo economista del Fmi, Gita Gopinath, ma senza commentare l'ipotesi di una flat tax: "Dobbiamo attendere i dettagli", spiega. La debole domanda interna e gli alti spread del debito sovrano hanno attenuato le prospettive dell'Italia, mentre le proteste di piazza in Francia hanno pesato sulla crescita, secondo il fondo. "In Europa un periodo prolungato di rendimenti elevati in Italia metterebbe sotto ulteriore stress le banche italiane, peserebbe sull'attività economica e peggiorerebbe sulla dinamica del devio", spiega il Fondo. Lo afferma il Fmi nel Global Financial Stability Report.

Condividere