Rallentamento Eurozona, Draghi: "BCE pronta a usare ogni strumento possibile"

Condividere

Nessuna variazione. La BCE mantiene salda la sua linea sui tassi d'interesse.

"Troppo presto" per poter decidere e discutere i termini della prossima asta Tltro (da settembre 2019 a marzo 2021); rischi contenuti di non tenuta dell'economia europea (basse probabilità di recessione); permanenza delle incertezze su scala globale, legate principalmente a fattori geopolitici, protezionismo e vulnerabilità dei mercati emergenti; inflazione passibile di ulteriori ribassi nei prossimi mesi (in relazione anche all'andamento del prezzo del petrolio); infine, ampio consenso circa la necessità di mantenere una politica monetaria accomodante. I tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali restano quindi a zero, quelli sulle operazioni di rifinanziamento marginale sono allo 0,25% e sui depositi presso la banca centrale a -0,40%.

Tria su flat tax: "Impossibile senza aumento Iva"
Perché siamo l'unico Paese europeo in recessione? Mariastella Gelmini boccia il Def senza appello. In questo caso non si dovrà attendere il pronunciamento di un arbitro terzo.

Tridico (Inps), "ridurre l’orario di lavoro per redistribuire la ricchezza"
Gli aumenti di produttività vanno distribuiti o con salario o con un aumento del tempo libero . Decreto crescita, pressing di Conte: la Ue non aspetta.

Salvini: "Riduzione fiscale nel Def"
Ma il nodo degli sgravi nel Def non è l'unica incombenza che grava su Tria. L'idea nelle nostre politiche è di guardare anche all'equità.

Non è mancato poi un commento sulla questione Italiana. "E' abbastanza chiaro che la priorità lì è ripristinare crescita economica e occupazione". Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi rispondendo a una domanda sulla forte revisione al ribasso delle stime nel Def. "E' molto importante - ha aggiunto Draghi - che queste priorità siano perseguite senza causare un aumento dei tassi (sui titoli di Stato, ndr) perché questo provoca una contrazione" del Pil. "Quello che ha fatto il consiglio direttivo è una valutazione delle prospettive economiche", sottolineando "la prontezza della Bce a usare ogni strumento possibile per far fronte a qualsiasi contingenza possa verificarsi".

Condividere