Valdarno (Ar), muore una 21enne. Confermata la causa: è meningite

Condividere

Una forma fulminante di meningite da meningococco B ha ucciso una giovane di ventuno anni residente nel comune di Castelfranco Piandiscò, nella provincia di Arezzo. Purtroppo però non c'è stato nulla da fare, la ragazza è praticamente morta nel suo letto. I familiari hanno chiamato il 118 ma al loro arrivo i sanitari hanno potuto solo constatare il decesso. La giovane viveva insieme ai propri genitori in un appartamento e durante la giornata di lunedì 15 aprile avrebbe lamentato diversi malori.

La giovane aveva febbre alta da ieri, stamane si è svegliata con segni sulle gambe - Da ieri mattina - a quanto ricostruito - la ragazza aveva febbre a 39 e per questo la famiglia aveva chiamato il medico il quale aveva suggerito di assumere un antipiretico. "Adesso il corpo della 21enne si trova all'ospedale di Montevarchi, per tutti gli accertamenti del caso". Il primo è un vaccino gratuito - spiega la Asl - il secondo, salvo che per i neonati, è a pagamento in compartecipazione, ma le autorità sanitarie raccomandano sempre di sottoporsi anche a questa copertura.

Milan-Lazio, Giorgetti: ''Maglia Acerbi? Gesto Kessi e Bakayoko stupido e indegno''
Mostrare la maglia dell'avversario a mo' di scalpo dopo aver vinto lo scontro diretto per la Champions League . La polemica infatti è scoppiata fra loro due, che si erano punzecchiati su Twitter .

Inter, Nainggolan: "Se segno alla Roma non esulto"
Nainggolan che però non si arrende, anzi: "Nella mia carriera in media ero abituato a giocare 40-50 incontri a stagione. Il caso Icardi? In una squadra tutti sono importanti, ma nessuno è indispensabile .

Fmi taglia le stime di crescita italiana: nel 2019 pil a +0,1%
Il pil nel 2018 è cresciuto dello +0,9%, in base ai dati diffusi dell'Istat che ha rivisto al rialzo la crescita del 2017 a +1,7%. Lo afferma il Fmi nel Global Financial Stability Report .

Immediatamente - si legge nella nota diffusa dall'azienda sanitaria - è stata avviata la profilassi con i familiari, i nonni, gli zii e gli amici ed è stata contattata l'Azienda Usl Centro, visto che la 21enne lavorava in un locale della provincia di Firenze. Anche in quella zona è già scattata la profilassi attraverso i medici di famiglia, i pediatri e nei confronti di coloro che sono venuti a contatto con la giovane nel posto di lavoro.

Condividere