Vittorio Sgarbi: "Notre Dame? Una cartolina, non abbiamo perso nulla"

Condividere

"È un dramma ma non una tragedia".

L'incendio a Notre Dame è stato il tema al centro dell'accesa discussione tra Vittorio Sgarbi e Alessandro Meluzzi, che a Quarta Repubblica, il programma condotto da Nicola Porro, si sono scontrati sul valore architettonico e morale della cattedrale devastata dalle fiamme. "Così come è stata restaurata nell'Ottocento, potrà esserlo anche adesso", ha spiegato ricordando che la cattedrale è andata completamente distrutta una prima volta durante la rivoluzione francese.

Secondo Sgarbi "l'intervento dei pompieri è stato efficace". La guglia che è caduta è un'architettura del 1870.

Emilia Clarke mostra le foto del suo traumatico ricovero in ospedale
Vedremo gli sviluppi nel secondo episodio, in onda in versione originale sottotitolata. lunedì 22 alle 3 di notte. Se un'area non riceve per un minuto il sangue non funziona più.

Libia, Di Maio non condivide la chiusura dei porti
Poi non nego che ci sono delle differenze enormi tra il M5Se la Lega , ad esempio anche sul 25 Aprile . Il Governo la sta monitorando giorno dopo giorno . "Col menefreghismo non andiamo da nessuna parte".

Serie A, SPAL-Juventus: le formazioni ufficiali
Semplici dovrebbe schierarsi a specchio, anche se dovrà fare a meno di Kurtic a centrocampo. La partita, calcio d'inizio ore 15, sarà trasmessa in diretta ed in esclusiva su Sky .

Quanto alla ferita inferta simbolicamente a Parigi, che per il suo cambiare lo skyline cittadino può rinviare al crollo delle torri gemelle a new York, per Sgarbi nel caso dell'attentato dell'11 settembre 2001 la drammaticità dell'evento era "anzitutto nei morti, nello scontro epocale di civiltà che simboleggiava; a Parigi tutto si riduce a un incidente di cantiere, senza altre implicazioni, senza nulla di simbolico". Questo pianto generale è inutile, è una tragedia legata a un simbolo perfettamente recuperabile. Non possiamo credere di non poter ricostruire qualcosa che è stato fatto nel 1800.

All'interno non ci sono opere antiche, ci sono i muri e alcuni affreschi del secondo 800. Non è come una chiesa italiana che ha un palinsesto secolare. Ma cosa abbiamo perso di Notre-Dame? Lì non c'è nulla. "Anzi ha generato la bella reazione della preghiera", e le preghiere dimostrano proprio che "lo spirito cristiano non è morto".

Condividere